Concorsi

Pubblici

Ministero Della Difesa Direzione Generale Per Il Personale Militare

IL DIRETTORE GENERALE Visto il decreto del Presidente della Repubblica 26 luglio 1976,n. 752, recante "Norme di attuazione dello statuto speciale dellaregione Trentino-Alto Adige in materia di proporzione negli ufficistatali siti nella provincia di Bolzano e di conoscenza delle duelingue nel pubblico impiego" e successive modifiche e integrazioni; Visto il decreto Presidente della Repubblica 15 luglio 1988, n.574, recante "Norme di attuazione dello statuto speciale per laregione Trentino-Alto Adige in materia di uso della lingua tedesca edella lingua ladina nei rapporti dei cittadini con la pubblicaamministrazione e nei procedimenti giudiziari" e successive modifichee integrazioni; Vista la legge 7 agosto 1990, n. 241, recante "Nuove norme inmateria di procedimento amministrativo e di diritto di accesso aidocumenti amministrativi" e successive modifiche e integrazioni; Visto il decreto del Presidente dell Repubblica 9 ottobre 1990,n. 309, recante "Testo unico delle leggi in materia di disciplinadegli stupefacenti e delle sostanze psicotrope, prevenzione, cura eriabilitazione dei relativi stati di tossicodipendenza" e successivemodifiche e integrazioni; Visto il decreto del Presidente della Repubblica 9 maggio 1994,n. 487, "Regolamento recante norme sull'accesso agli impieghi nellepubbliche amministrazioni e le modalita' di svolgimento dei concorsi,dei concorsi unici e delle altre forme di assunzioni nei pubbliciimpieghi" e successive modifiche e integrazioni; Vista la legge 15 maggio 1997, n. 127, concernente misure urgentiper lo snellimento dell'attivita' amministrativa e dei procedimentidi decisione e di controllo e successive modificazioni; Visto l'articolo 18, comma 2 della legge 12 marzo 1999, n. 68,concernente la riserva di posti nei pubblici concorsi a favore degliorfani o coniugi di deceduti per causa di lavoro, di guerra e diservizio; Visto il decreto del Presidente della Repubblica 28 dicembre2000, n. 445, recante "Testo unico delle disposizioni legislative eregolamentari in materia di documentazione amministrativa" esuccessive modifiche e integrazioni; Visto il decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165, recante"Norme generali sull'ordinamento del lavoro alle dipendenze delleamministrazioni pubbliche" e successive modifiche e integrazioni; Visto il decreto del Presidente della Repubblica 14 novembre2002, n. 313, recante "Testo unico delle disposizioni legislative eregolamentari in materia di casellario giudiziale, di anagrafe dellesanzioni amministrative dipendenti da reato e dei relativi carichipendenti", e succesive modifiche e integrazioni; Visto il decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196, recante"Codice in materia di protezione dei dati personali" e successivemodifiche e integrazioni; Visto il decreto del Ministero dell'istruzione, dell'universita'e della ricerca del 22 ottobre 2004, n. 270, che ha modificato ilregolamento recante norme relative all'autonomia didattica degliatenei, approvato con decreto del Ministro dell'universita' e dellaricerca scientifica e tecnologica del 3 novembre 1999, n. 509; Vista la direttiva tecnica impartita dalla Direzione generaledella sanita' militare il 5 dicembre 2005, e successive modificazionie integrazioni, riguardante l'accertamento delle imperfezioni e delleinfermita' che sono causa di inidoneita' al servizio militare; Vista la direttiva tecnica impartita dalla Direzione generaledella sanita' militare il 5 dicembre 2005, e successive modificazionie integrazioni, per delineare il profilo sanitario dei soggettigiudicati idonei al servizio militare; Visto il decreto legislativo 11 aprile 2006, n. 198, recante"Codice delle pari opportunita' tra uomo e donna, a normadell'articolo 6 della legge 28 novembre 2005, n. 246", e successivemodifiche e integrazioni; Visto il decreto legislativo 15 marzo 2010, n. 66, recante"Codice dell'ordinamento militare" e successive modifiche eintegrazioni; Visto il decreto del Presidente della Repubblica 15 marzo 2010,n. 90, recante "Testo unico delle disposizioni regolamentari inmateria di ordinamento militare" e successive modifiche eintegrazioni; Vista la legge 12 luglio 2010, n. 109, recante "Disposizioni perl'ammissione dei soggetti fabici nelle Forze Armate e di Polizia"; Visto il decreto-legge 9 febbraio 2012, n. 5, recante"Disposizioni urgenti in materia di semplificazione e di sviluppo",convertito in legge, con modificazioni, dall'articolo 1, comma 1,della legge 4 aprile 2012, n. 35 e, in particolare, l'articolo 8,concernente l'invio, esclusivamente per via telematica, delle domandeper la partecipazione a selezioni e concorsi per l'assunzione nellePubbliche Amministrazioni centrali; Visto il regolamento interno della Scuola Marescialli eBrigadieri dei Carabinieri, approvato con decreto dirigenziale delComandante Generale dell'Arma dei Carabinieri in data 22 agosto 2012e successive modifiche e integrazioni; Vista la legge 27 dicembre 2013, n. 147, recante "Disposizioniper la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato(legge di stabilita' 2014); Considerato che le risorse finanziarie rese disponibili dallalegge di stabilita' 2014 consentono di reclutare ulteriori 247Allievi Marescialli del ruolo Ispettori dell'Arma dei Carabinieri; Considerato che l'unica graduatoria di analoghi concorsi in corsodi validita', ai sensi dell'articolo 688, comma 7, del decretolegislativo 15 marzo 2010, quella relativa al 2 concorso triennale,si e' esaurita; Vista la lettera n. 111/1-1 IS del 3 gennaio 2014 con cui ilComando Generale dell'Arma dei Carabineri ha trasmesso gli elementidi programmazione per il 4 concorso triennale per AllieviMarescialli del ruolo Ispettori dell'Arma dei Carabinieri; Vista la nota M_D SSMD 0002890 del 13 gennaio 2014 con cui loStato Maggiore della Difesa ha rilasciato il prescritto "nulla osta"all'emanazione del bando di concorso per l'ammissione al 4 concorsotriennale di 247 Allievi Marescialli del ruolo Ispettori dell'Armadei Carabinieri; Ravvisata la necessita' di indire un concorso pubblico, pertitoli ed esami, per l'ammissione al 4 corso triennale di 247Allievi Marescialli del ruolo Ispettori dell'Arma dei Carabinieri; Ravvisata l'opportunita', per motivi di economicita' e dispeditezza dell'azione amministrativa, di prevedere la possibilita'di effettuare una prova preliminare a cui sottoporre i candidati,qualora il numero delle domande fosse elevato; Visto il decreto ministeriale 16 gennaio 2013 - registrato allaCorte dei conti il 1 marzo 2013, registro n. 1, foglio n. 390 -concernente, tra l'altro, struttura ordinativa e competenze dellaDirezione Generale per il Personale Militare; Visto il decreto del Presidente della Repubblica del 7 febbraio2012, concernente la sua nomina a Direttore Generale per il PersonaleMilitare, Decreta: Art. 1 Posti a concorso 1. E' indetto un concorso pubblico, per titoli ed esami, perl'ammissione al 4 corso triennale (2014-2017) di 247 AllieviMarescialli del ruolo Ispettori dell'Arma dei Carabinieri. 2. Dei 247 posti messi a concorso: a) 12 sono riservati ai candidati in possesso, all'atto dellascadenza del termine di presentazione delle domande, dell'attestatodi bilinguismo riferito a livello non inferiore al diploma diistruzione secondaria di secondo grado di cui all'articolo 4 deldecreto del Presidente della Repubblica 26 luglio 1976, n. 752 esuccessive modificazioni; b) 49 sono riservati: - al coniuge ed ai figli superstiti, ovvero ai parenti inlinea collaterale di secondo grado se unici superstiti, del personaledelle Forze Armate, compresa l'Arma dei Carabinieri, e delle Forze diPolizia deceduto in servizio e per causa di servizio; - ai diplomati delle Scuole militari dell'Esercito, dellaMarina e dell'Aeronautica; - agli assistiti dall'Opera nazionale di assistenza per gliorfani dei militari di carriera dell'Esercito italiano, dall'IstitutoAndrea Doria per l'assistenza dei familiari e degli orfani delpersonale della Marina Militare, dall'Opera nazionale per i figlidegli aviatori e dall'Opera nazionale di assistenza per gli orfanidei militari dell'Arma dei Carabinieri, in possesso dei prescrittirequisiti; c) 2 sono riservati ai candidati orfani o coniugi di decedutiper causa di lavoro, di guerra o di servizio ovvero di grandiinvalidi di cui all'articolo 18 della legge 12 marzo 1999, n. 68. 3. I posti a concorso di cui al comma 1 potranno essereincrementati in misura pari al numero dei posti eventualmente noncoperti, per mancanza di candidati idonei o a seguito di rinunce, conla procedura di reclutamento di cui al decreto del Direttore Generaleper il Personale Militare n. 2/1D del 13 gennaio 2014. 4. I posti riservati di cui al comma 2, eventualmente nonricoperti per insufficienza di candidati riservatari idonei sarannodevoluti agli altri candidati idonei secondo l'ordine dellagraduatoria di merito. 5. Resta impregiudicata per l'Amministrazione della difesa lafacolta' di revocare o annullare il presente bando di concorso, disospendere o rinviare le prove concorsuali, di modificare il numerodei posti, di sospendere l'ammissione dei vincitori alla frequenzadel corso in ragione di esigenze attualmente non valutabili ne'prevedibili ovvero in applicazione di leggi di bilancio dello Stato ofinanziarie o di disposizioni di contenimento della spesa pubblica.In tal caso, l'Amministrazione della difesa provvedera' a dareformale comunicazione mediante avviso che verra' pubblicato nellaGazzetta Ufficiale - 4 serie speciale. 6. Nel caso in cui l'Amministrazione eserciti la potesta' diauto-organizzazione prevista dal comma precedente, non sara' dovutoalcun rimborso pecuniario ai candidati circa eventuali spese daglistessi sostenute per la partecipazione alle selezioni concorsuali. 7. La Direzione Generale si riserva altresi' la facolta', nelcaso di eventi avversi di carattere eccezionale che impediscanooggettivamente a un rilevante numero di candidati di presentarsi neitempi e nei giorni previsti per l'espletamento delle proveconcorsuali, di prevedere sessioni di recupero delle prove stesse. Intal caso, sara' dato avviso nei siti internet"www.persomil.difesa.it/concorsi" e "www.carabinieri.it", definendonele modalita'. Il citato avviso avra' valore di notifica a tutti glieffetti e per tutti gli interessati.