Concorsi

Pubblici

Ministero Dell'istruzione, Dell'universita' E Della Ricerca

IL DIRETTORE GENERALE per il personale scolastico Vista la legge 7 agosto 1990, n. 241, recante Nuove norme inmateria di procedimento amministrativo e di diritto di accesso aidocumenti amministrativi e successive modificazioni, nonche' ildecreto del Presidente della Repubblica 12 aprile 2006, n. 184,regolamento recante Disciplina in materia di accesso ai documentiamministrativi; Vista la legge 28 marzo 1991, n. 120, recante Norme in favoredei privi della vista per l'ammissione ai concorsi nonche' allacarriera direttiva nella pubblica amministrazione e negli entipubblici, per il pensionamento, per l'assegnazione di sede e lamobilita' del personale direttivo e docente della scuola concernentenorme a favore dei privi della vista per l'ammissione ai concorsi; Vista la legge 5 febbraio 1992, n. 104, recante Legge quadro perl'assistenza, l'integrazione sociale e i diritti delle personehandicappate, e successive modificazioni; Vista la legge 12 marzo 1999, n. 68, recante Norme per ildiritto al lavoro dei disabili e successive modificazioni, e ilrelativo regolamento di esecuzione di cui al decreto del Presidentedella Repubblica 10 ottobre 2000, n. 333; Visto il decreto legislativo 16 aprile 1994, n. 297, e successivemodificazioni, con il quale e' stato approvato il testo unico delledisposizioni legislative in materia di istruzione relative allescuole di ogni ordine e grado; Visto il decreto legislativo 30 giugno 1999, n. 233, recanteRiforma degli organi collegiali territoriali della scuola, a normadell'art. 21 della legge 15 marzo 1997, n. 59 e in particolarel'art. 2 che individua le competenze e la composizione del Consigliosuperiore della pubblica istruzione; Visto il decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165, recanteNorme generali sull'ordinamento del lavoro alle dipendenze delleamministrazioni pubbliche e successive modificazioni; Visto il decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196, recanteCodice in materia di protezione dei dati personali e successivemodificazioni; Visti i decreti legislativi 9 luglio 2003, numeri 215 e 216,concernenti, rispettivamente, l'attuazione della direttiva 2000/43/CEper la parita' di trattamento tra le persone, indipendentemente dallarazza e dall'origine etnica, e l'attuazione della direttiva2000/78/CE per la parita' di trattamento tra le persone, senzadistinzione di religione, di convinzioni personali, di handicap, dieta' e di orientamento sessuale; Visto il decreto legislativo 7 marzo 2005, n. 82, recante Codicedell'amministrazione digitale e successive modificazioni; Visto il decreto legislativo 9 novembre 2007, n. 206, comemodificato dal decreto legislativo 28 gennaio 2016, n. 15, recanteattuazione della direttiva 2013/55/UE e dell'art. 49 del decreto delPresidente della Repubblica 31 agosto 1999, n. 394, e successivemodificazioni; Visto il decreto legislativo 11 aprile 2006, n. 198, recanteCodice delle pari opportunita' tra uomo e donna e successivemodificazioni; Vista la legge 18 giugno 2009, n. 69, recante Disposizioni perlo sviluppo economico, la semplificazione, la competitivita' nonche'in materia di processo civile e successive modificazioni, ed inparticolare l'art. 32; Visto il decreto-legge 9 febbraio 2012, n. 5, convertito, conmodificazioni, dalla legge 4 aprile 2012, n. 35, recanteDisposizioni urgenti in materia di semplificazione e sviluppo esuccessive modificazioni e in particolare l'art. 8, comma 1, ove sidispone che le domande e i relativi allegati per la partecipazione aconcorsi per l'assunzione nelle pubbliche amministrazioni centralisiano inviate esclusivamente per via telematica; Vista la legge 6 agosto 2013, n. 97, recante Disposizioni perl'adempimento degli obblighi derivanti dall'appartenenza dell'Italiaall'Unione europea - legge europea 2013 e in particolare l'art. 7; Vista la legge 13 luglio 2015, n. 107, recante Riforma delsistema nazionale di istruzione e formazione e delega per il riordinodelle disposizioni legislative vigenti; Visto il regolamento 27 aprile 2016, n. 2016/679/UE delParlamento europeo relativo alla protezione delle persone fisiche conriguardo al trattamento dei dati personali, nonche' alla liberacircolazione di tali dati, cd. GDPR; Visto il decreto del Presidente della Repubblica 9 maggio 1994,n. 487, recante Regolamento recante norme sull'accesso agli impieghinelle pubbliche amministrazioni e le modalita' di svolgimento deiconcorsi, dei concorsi unici e delle altre forme di assunzione neipubblici impieghi e successive modificazioni; Visto il decreto del Presidente della Repubblica 28 dicembre2000, n. 445, recante Testo unico delle disposizioni legislative eregolamentari in materia di documentazione amministrativa esuccessive modificazioni, ed in particolare l'art. 38; Visti il decreto del Presidente della Repubblica 15 marzo 2009,n. 89, recante Revisione dell'assetto ordinamentale, organizzativo edidattico della scuola dell'infanzia e del primo ciclo di istruzioneai sensi dell'art. 64, comma 4, del decreto-legge 25 giugno 2008, n.112, convertito, con modificazioni, dalla legge 6 agosto 2008, n.133; Visto il decreto del Ministro dell'istruzione, dell'universita' edella ricerca 26 maggio 1998, ed in particolare l'art. 4, recanteCriteri generali per la disciplina da parte delle universita' degliordinamenti dei corsi di laurea in scienze della formazione primariae delle scuole di specializzazione all'insegnamento secondario; Visto il decreto del Ministro della pubblica istruzione 7dicembre 2006, n. 305, regolamento recante Identificazione dei datisensibili e giudiziari trattati e delle relative operazionieffettuate dal Ministero della pubblica istruzione; Visto il decreto del Ministro dell'istruzione, dell'universita' edella ricerca 10 settembre 2010, n. 249, recante Regolamentoconcernente la definizione della disciplina dei requisiti e dellaformazione iniziale degli insegnanti della scuola dell'infanzia,della scuola primaria e della scuola secondaria di primo e secondogrado e successive modificazioni; Visto il decreto del Ministro dell'istruzione, dell'universita' edella ricerca 30 settembre 2011, recante Criteri e modalita' per losvolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento dellaspecializzazione per le attivita' di sostegno, ai sensi degliarticoli 5 e 13 del decreto 10 settembre 2010, n. 249; Visto il decreto del Ministro dell'istruzione, dell'universita' edella ricerca 16 novembre 2012, n. 254, recante Indicazioninazionali per il curricolo della scuola dell'infanzia e del primociclo di istruzione, a norma dell'art. 1, comma 4 del decreto delPresidente della Repubblica 20 marzo 2009, n. 89; Visto il decreto del Ministro dell'istruzione, dell'universita' edella ricerca del 27 ottobre 2015, n. 850, recante Obiettivi,modalita' di valutazione del grado di raggiungimento degli stessi,attivita' formative e criteri per la valutazione del personaledocente ed educativo in periodo di formazione e di prova, ai sensidell'art. 1, comma 118, della legge 13 luglio 2015, n. 107; Vista la sentenza del Consiglio di Stato, sezione VI, 19 dicembre2016, n. 5388, e le altre simili, con le quali si affermal'equiparazione tra il diploma magistrale e il diploma di maturita'linguistica conseguito al termine dei percorsi quinquennali disperimentazione attivati presso gli istituti magistrali; Visto il decreto-legge 12 luglio 2018, n. 87, recanteDisposizioni urgenti per la dignita' dei lavoratori e delle impreseconvertito, con modificazioni, dalla legge 9 agosto 2018, n. 96 ed inparticolare l'art. 4, comma 1-novies, il quale prevede, conriferimento al concorso straordinario per il reclutamento dei docentiper la scuola dell'infanzia e primaria, su posto comune e di sostegnodi cui al comma 1-quater, lettera b) del citato art. 4, che condecreto del Ministro dell'istruzione, dell'universita' e dellaricerca siano disciplinati Il contenuto del bando, i termini e lemodalita' di presentazione delle domande, i titoli valutabili, lemodalita' di svolgimento della prova orale, i criteri di valutazionedei titoli e della prova, nonche' la composizione delle commissionidi valutazione e l'idonea misura del contributo; Considerato che l'art. 4, comma 1-quinquies del citatodecreto-legge n. 87 del 2018 autorizza il Ministro dell'istruzione,dell'universita' e della ricerca a bandire il concorso straordinariodi cui al comma 1-quater, lettera b) in deroga alle ordinarieprocedure autorizzatorie, che rimangono ferme per le successiveimmissioni in ruolo, in ciascuna regione e distintamente per lascuola dell'infanzia e per quella primaria, per la copertura deiposti sia comuni, ivi compresi quelli di potenziamento, che disostegno; Preso atto che l'art. 4, comma 1-octies, secondo periodo delcitato decreto-legge n. 87 del 2018, prevede la valorizzazione delsuperamento di tutte le prove di precedenti concorsi per il ruolodocente, il possesso di titoli di abilitazione di livellouniversitario e di ulteriori titoli universitari e la particolarevalorizzazione del servizio svolto presso le istituzioni scolastichedel sistema nazionale di istruzione, al quale sono riservati sino a50 dei 70 punti complessivamente attribuibili ai titoli; Visto il decreto del Ministro dell'istruzione, dell'universita' edella ricerca del 17 ottobre 2018 che autorizza la presente proceduraconcorsuale straordinaria e recante all'allegato A i programmiconcorsuali, all'allegato B la griglia di valutazione per la provaorale delle procedure concorsuali e all'allegato C la tabella diripartizione del punteggio dei titoli valutabili; Visto il Contratto collettivo nazionale di lavoro relativo alpersonale del comparto istruzione e ricerca - sezione scuola; Resa l'informativa alle OO.SS. firmatarie del Contratto; Decreta: Art. 1 Definizioni 1. Ai fini del presente decreto si applicano le seguentidefinizioni: a) Ministro: Ministro dell'istruzione, dell'universita' e dellaricerca; b) Ministero: Ministero dell'istruzione, dell'universita' edella ricerca; c) decreto-legge: decreto-legge 12 luglio 2018, n. 87,convertito, con modificazioni, dalla legge 9 agosto 2018, n. 96; d) testo unico: decreto legislativo 16 aprile 1994, n. 297, esuccessive modificazioni; e) USR: Ufficio scolastico regionale o Uffici scolasticiregionali; f) dirigenti preposti agli USR: i direttori generali degli USRo i dirigenti di seconda fascia preposti alla direzione di un USR; g) graduatorie ad esaurimento: graduatorie permanenti di cuiall'art. 401 del testo unico rese ad esaurimento dall'art. 1, comma601, lettera c), della legge 29 dicembre 2006, n. 296; h) decreto ministeriale: decreto ministeriale del 17 ottobre2018 pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 250 del 26 ottobre 2018.

Art. 2 Concorso straordinario 1. E' indetto, ai sensi dell'art. 4, comma 1-quater, lettera b),e commi 1-quinquies, 1-sexies, 1-septies, 1-octies, 1-novies,1-decies e 1-undecies del decreto-legge, un concorso straordinario,per titoli ed esami, per il reclutamento a tempo indeterminato delpersonale docente su posti comuni e posti di sostegno della scuoladell'infanzia e della scuola primaria riservato ai soggetti inpossesso dei requisiti di cui al successivo art. 3. Sia il concorsoche le relative graduatorie sono organizzate su base regionale. 2. E', eventualmente, disposta l'aggregazione territoriale delleprocedure concorsuali ove a dette procedure partecipi un numeroesiguo di candidati. Le sedi saranno individuate e comunicate, conavviso da pubblicarsi nella Gazzetta Ufficiale della Repubblicaitaliana - 4 Serie speciale Concorsi ed esami del 18 dicembre2018, ad esito della presentazione delle domande di partecipazione,con l'individuazione dell'USR responsabile della procedura. L'USR chesara' individuato, sara' responsabile dello svolgimento dell'interaprocedura concorsuale e dell'approvazione delle graduatorie di meritodella propria regione, nonche' delle graduatorie di merito delleulteriori regioni le cui procedure sono state aggregate.

Art. 3 Requisiti di ammissione 1. Ai sensi dell'art. 4, comma 1-quinquies, del decreto-legge,sono ammessi a partecipare alle procedure di cui al presente decretoi candidati in possesso dei seguenti titoli: a) titolo di abilitazione all'insegnamento conseguito presso icorsi di laurea in scienze della formazione primaria o analogo titoloconseguito all'estero e riconosciuto in Italia ai sensi dellanormativa vigente, purche' i docenti in possesso dei predetti titoliabbiano svolto, nel corso degli ultimi otto anni scolastici(2010/11-2017/2018), presso le istituzioni scolastiche statali,almeno due annualita' di servizio specifico rispettivamente sullascuola dell'infanzia o primaria, anche non continuative, sia su postocomune che di sostegno. Il servizio a tempo determinato e' valutatoai sensi dell'art. 11, comma 14, della legge 3 maggio 1999, n. 124; b) diploma magistrale con valore di abilitazione e diplomasperimentale a indirizzo linguistico, conseguiti presso gli istitutimagistrali o analogo titolo di abilitazione conseguito all'estero ericonosciuto in Italia ai sensi della normativa vigente, conseguiti,comunque, entro l'anno scolastico 2001/2002, purche' i docenti inpossesso dei predetti titoli abbiano svolto, nel corso degli ultimiotto anni scolastici (2010/11-2017/2018), presso le istituzioniscolastiche statali almeno due annualita' di servizio specifico,rispettivamente sulla scuola dell'infanzia o primaria, anche noncontinuative, sia su posto comune che di sostegno. Il servizio atempo determinato e' valutato ai sensi dell'art. 11, comma 14, dellalegge 3 maggio 1999, n. 124; c) per le procedure per i posti di sostegno su infanzia eprimaria, oltre al possesso di uno dei titoli di cui alle lettere a)e b), e' richiesto il possesso dello specifico titolo dispecializzazione sul sostegno conseguito ai sensi della normativavigente o di analogo titolo di specializzazione conseguito all'esteroe riconosciuto in Italia ai sensi della normativa vigente. 2. Sono ammessi con riserva coloro che, avendo conseguito iltitolo abilitante o la specializzazione sul sostegno all'estero,abbiano comunque presentato la relativa domanda di riconoscimentoalla Direzione generale per gli ordinamenti scolastici e lavalutazione del sistema nazionale di istruzione, entro la datatermine per la presentazione delle istanze per la partecipazione allaprocedura concorsuale. 3. Sono, altresi', ammessi con riserva alla procedura concorsualeper posti di sostegno i docenti che conseguano il relativo titolo dispecializzazione entro il 1 dicembre 2018, nell'ambito di percorsiavviati entro il 31 maggio 2017, ivi compresi quelli disciplinati daldecreto del Ministro 10 marzo 2017, n. 141, come modificato daldecreto 13 aprile 2017, n. 226. 4. I candidati sono ammessi al concorso con riserva diaccertamento del possesso dei requisiti di ammissione. In caso dicarenza degli stessi, l'USR dispone l'esclusione dei candidati inqualsiasi momento della procedura concorsuale.

Art. 4 Domanda di partecipazione: termine, contenuto e modalita' di presentazione 1. I candidati possono presentare istanza di partecipazione, apena di esclusione, in un'unica regione, ad eccezione della Valled'Aosta e del Trentino-Alto Adige, per una o piu' delle procedureconcorsuali per le quali posseggano i requisiti di cui all'art. 3 delpresente bando. Il candidato concorre per piu' procedure concorsualimediante la presentazione di un'unica istanza con l'indicazione delleprocedure concorsuali cui intenda partecipare. 2. I candidati presentano l'istanza di partecipazione aiconcorsi, esclusivamente, attraverso il sistema informativo POLIS aisensi del decreto legislativo 7 marzo 2005, n. 82, e successivemodificazioni. Le istanze presentate con modalita' diverse non sonoprese in considerazione. 3. L'istanza di partecipazione al concorso tramite POLIS deveessere presentata a partire dalle ore 9,00 del 12 novembre 2018 finoalle ore 23,59 del 12 dicembre 2018. 4. Il candidato residente all'estero, o ivi stabilmentedomiciliato, qualora non in possesso delle credenziali di accesso alsistema informativo di cui al comma 2, acquisisce dette credenzialipresso la sede dell'Autorita' consolare italiana. Quest'ultimaverifica l'identita' del candidato e comunica le risultanze all'USRcompetente a gestire la relativa procedura concorsuale, che provvedealla registrazione del candidato nel sistema informativo. Ultimata laregistrazione, il candidato riceve dal sistema informativo i codicidi accesso per l'acquisizione telematica della istanza nellasuccessiva fase prevista dalla procedura. 5. Per la partecipazione alla procedura concorsuale e' dovuto, aisensi dell'art. 4, comma 1-novies, del decreto-legge e dell'art. 1,comma 111, della legge 13 luglio 2015, n. 107 nonche' dell'art. 7,comma 6, del decreto ministeriale, il pagamento di un contributo disegreteria pari ad euro 10,00 (dieci) per ciascuna procedura per cuisi concorre (infanzia comune/primaria comune/infanziasostegno/primaria sostegno). Il pagamento deve essere effettuatoesclusivamente tramite bonifico bancario sul conto intestato a:sezione di tesoreria 348 Roma succursale IT 28S 01000 03245 348 0 132410 00 Causale: regione - grado di scuola/tipologia di posto - nomee cognome - codice fiscale del candidato e dichiarato al momentodella presentazione della domanda tramite il sistema POLIS. 6. Nella domanda il candidato deve dichiarare, sotto la propriaresponsabilita' e consapevole delle conseguenze derivanti dadichiarazioni mendaci ai sensi dell'art. 76 del decreto delPresidente della Repubblica 28 dicembre 2000, n. 445, quanto segue: a) il cognome ed il nome (le coniugate indicheranno solo ilcognome di nascita); b) la data, il luogo di nascita, la residenza e il codicefiscale; c) il possesso della cittadinanza italiana ovvero dellacittadinanza di uno degli stati membri dell'Unione europea ovverodichiarazione attestante le condizioni di cui all'art. 7 della legge6 agosto 2013, n. 97; d) il comune nelle cui liste elettorali e' iscritto/a ovvero imotivi della mancata iscrizione o della cancellazione dalle listemedesime; e) di essere fisicamente idoneo/a allo svolgimento dellefunzioni proprie del docente; f) le eventuali condanne penali riportate (anche se sono staticoncessi amnistia, indulto, condono o perdono giudiziale) e glieventuali procedimenti penali pendenti, in Italia e all'estero. Taledichiarazione deve essere resa anche se negativa, pena l'esclusionedal concorso; g) di non essere stato/a destituito/a o dispensato/adall'impiego presso una pubblica amministrazione per persistenteinsufficiente rendimento e di non essere stato/a licenziato/a daaltro impiego statale ai sensi della normativa vigente, per averconseguito l'impiego mediante produzione di documenti falsi e,comunque, con mezzi fraudolenti, ovvero per aver sottoscritto ilcontratto individuale di lavoro a seguito della presentazione didocumenti falsi. In caso contrario, il candidato deve indicare lacausa di risoluzione del rapporto d'impiego; h) il possesso di titoli previsti dall'art. 5, commi 4 e 5, deldecreto del Presidente della Repubblica 9 maggio 1994, n. 487, che, aparita' di merito o a parita' di merito e titoli, danno luogo apreferenza. I titoli devono essere posseduti alla data di scadenzadel termine di presentazione della domanda; i) l'indirizzo, comprensivo di codice di avviamento postale, ilnumero telefonico, nonche' il recapito di posta elettronica ordinariao certificata presso cui il candidato chiede di ricevere lecomunicazioni relative al concorso. Il candidato si impegna a farconoscere tempestivamente le variazioni tramite sistema POLIS; j) la tipologia o le tipologie di posto per la quale o per lequali si intende concorrere; k) il titolo di abilitazione all'insegnamento o dispecializzazione per il sostegno di cui all'art. 3 del presentebando, conseguiti entro il termine di presentazione della domanda conl'esatta indicazione dell'Istituzione che lo ha rilasciato, dell'annoscolastico ovvero accademico in cui e' stato conseguito, del votoriportato. Qualora il titolo di accesso sia stato conseguitoall'estero e riconosciuto, devono essere, altresi', indicatiobbligatoriamente gli estremi del provvedimento del Ministerodell'istruzione, dell'universita' e della ricerca di riconoscimentodell'equipollenza del titolo medesimo; qualora il titolo di accessosia stato conseguito all'estero ma in attesa di riconoscimento dalMinistero occorre dichiarare di aver presentato la relativa domandadi riconoscimento alla Direzione generale per gli ordinamentiscolastici e la valutazione del sistema nazionale di istruzione entrola data termine per la presentazione della domanda di partecipazioneal concorso per poter essere ammessi con riserva; analogamente, gliaspiranti a posti di sostegno, che non siano ancora in possesso deltitolo di specializzazione, dovranno altresi' dichiarare di essereiscritti ai relativi percorsi avviati entro il 31 maggio 2017, ivicompresi quelli disciplinati dal decreto del Ministro 10 marzo 2017,n. 141, come modificato dal decreto 13 aprile 2017, n. 226 e checonseguiranno il relativo titolo di specializzazione entro il 1dicembre 2018; l) di avere svolto, nel corso degli ultimi otto anniscolastici, presso le istituzioni scolastiche statali, almeno dueannualita', anche non continuative, di servizio specifico,rispettivamente nella scuola dell'infanzia o primaria, sia su postocomune che di sostegno. Il servizio a tempo determinato e' valutatoai sensi dell'art. 11, comma 14, della legge 3 maggio 1999, n. 124; m) per la sola scuola dell'infanzia la lingua comunitariaprescelta tra le seguenti: inglese, francese, tedesco e spagnolo,oggetto di valutazione nell'ambito della prova orale di cui all'art.6 del presente bando; per le procedure concorsuali relative allascuola primaria, la lingua comunitaria e' esclusivamente la linguainglese; n) i titoli valutabili ai sensi della tabella dei titoliallegata al decreto ministeriale (allegato C); o) il consenso al trattamento dei dati personali per lefinalita' e con le modalita' di cui al regolamento 27 aprile 2016, n.2016/679/UE del Parlamento europeo relativo alla protezione dellepersone fisiche con riguardo al trattamento dei dati personali,nonche' alla libera circolazione di tali dati, cd. Regolamentogenerale per la protezione dei dati (GDPR) e al decreto legislativo30 giugno 2003, n. 196; p) il possesso dei titoli previsti dall'art. 5, comma 3, deldecreto del Presidente della Repubblica 9 maggio 1994, n. 487; q) dichiarazione sull'eventuale diritto alla riserve previstedalla vigente normativa. Coloro che hanno diritto alla riserva diposti in applicazione della legge n. 68/1999 e che non possonoprodurre il certificato di disoccupazione rilasciato dai centri perl'impiego poiche' occupati con contratto a tempo determinato alladata di scadenza del bando, indicheranno la data e la procedura incui hanno presentato in precedenza la certificazione richiesta; r) se, nel caso in cui sia diversamente abile, abbial'esigenza, ai sensi degli articoli 4 e 20 della legge 5 febbraio1992, n. 104, di essere assistito/a durante la prova, indicando incaso affermativo l'ausilio necessario in relazione alla propriadiversa abilita'. Tali richieste devono risultare da appositacertificazione rilasciata da una competente struttura sanitaria dainviare, almeno dieci giorni prima dell'inizio della prova, o informato elettronico mediante posta elettronica certificataall'indirizzo del competente USR o a mezzo di raccomandata postalecon avviso di ricevimento indirizzata al medesimo USR. Le modalita'di svolgimento della prova possono essere concordate telefonicamente.Dell'accordo raggiunto il competente USR redige un sintetico verbaleche invia all'interessato; s) di aver effettuato il versamento del contributo previsto perla partecipazione al concorso, per ognuno degli insegnamenti/tipiposto richiesti. 7. Non si tiene conto delle domande che non contengono tutte leindicazioni circa il possesso dei requisiti richiesti perl'ammissione al concorso e tutte le dichiarazioni previste dalpresente decreto. 8. L'amministrazione scolastica non e' responsabile in caso dismarrimento delle proprie comunicazioni dipendente da inesatte oincomplete dichiarazioni da parte del candidato circa il proprioindirizzo di posta elettronica oppure da mancata o tardivacomunicazione del cambiamento di indirizzo rispetto a quello indicatonella domanda, nonche' in caso di eventuali disguidi imputabili afatto di terzi, a caso fortuito o forza maggiore.

Art. 5 Commissioni di valutazione 1. Le commissioni di valutazione sono nominate con decreti deidirigenti preposti ai competenti USR, secondo le modalita' di cui aldecreto ministeriale, art. 16, e nel rispetto delle disposizionidegli articoli 11, 12, 13, 14, 15 del medesimo decreto ministeriale.

Art. 6 Articolazione del concorso: durata e contenuto della prova orale 1. La procedura concorsuale si articola in una prova orale dinatura didattico-metodologica e nella successiva valutazione deititoli. 2. La prova orale ha una durata massima complessiva di 30 minuti,fermi restando gli eventuali tempi aggiuntivi di cui all'art. 20della legge 5 febbraio 1992, n. 104 e consiste nella progettazione diun'attivita' didattica, comprensiva dell'illustrazione delle sceltecontenutistiche, didattiche, metodologiche compiute e di esempi diutilizzo pratico delle Tecnologie dell'informazione e dellacomunicazione (TIC). La commissione interloquisce con il candidato eaccerta altresi' la conoscenza della lingua straniera di cui ai commi4 e 5. 3. La prova orale per i posti comuni, distinta per i postirelativi alla scuola dell'infanzia e primaria, ha per oggetto ilprogramma generale e specifico di cui all'allegato A del decretoministeriale e valuta la padronanza delle discipline in relazionealle competenze metodologiche e di progettazione didattica ecurricolare, anche mediante l'utilizzo delle tecnologiedell'informazione e della comunicazione. 4. La prova orale per la scuola dell'infanzia valuta, altresi',l'abilita' di comprensione scritta (lettura) e produzione orale(parlato) in una delle quattro lingue comunitarie tra francese,inglese, spagnolo e tedesco almeno al livello B2 del Quadro comuneeuropeo di riferimento per le lingue. Al fine del conseguimentodell'idoneita' all'insegnamento della lingua inglese, la prova oraleper la scuola primaria valuta l'abilita' di comprensione scritta(lettura) e produzione orale (parlato) in lingua inglese almeno allivello B2 del Quadro comune europeo di riferimento per le lingue ela relativa competenza didattica. La griglia nazionale di valutazionedi cui all'art. 9, comma 2 del decreto ministeriale definisce icriteri di valutazione delle suddette abilita' linguistiche e dellacompetenza didattica. 5. La prova orale per i posti di sostegno verte sul programmagenerale e specifico di cui all'allegato A del decreto ministeriale,valuta la competenza del candidato nelle attivita' di sostegno agliallievi con disabilita' volte alla definizione di ambienti diapprendimento, alla progettazione didattica e curricolare pergarantire l'inclusione e il raggiungimento di obiettivi adeguati allepossibili potenzialita' e alle differenti tipologie di disabilita',anche mediante l'utilizzo delle tecnologie dell'informazione e dellacomunicazione. La prova orale per il sostegno presso la scuoladell'infanzia valuta altresi' l'abilita' di comprensione scritta(lettura) e produzione orale (parlato) in una delle quattro linguecomunitarie tra francese, inglese, spagnolo e tedesco almeno allivello B2 del Quadro comune europeo di riferimento per le lingue. Laprova orale per il sostegno presso la scuola primaria valutal'abilita' di comprensione scritta (lettura) e produzione orale(parlato) in lingua inglese almeno al livello B2 del Quadro comuneeuropeo di riferimento per le lingue e la relativa competenzadidattica speciale. La griglia nazionale di valutazione di cuiall'art. 9, comma 2 del decreto ministeriale definisce i criteri divalutazione delle suddette abilita' linguistiche e della competenzadidattica.

Art. 7 Diario e sede di svolgimento della prova d'esame 1. Il diario di svolgimento della prova orale con l'indicazionedella sede di destinazione dei candidati distribuiti e' comunicatodagli USR responsabili della procedura concorsuale almeno ventigiorni prima della data di svolgimento della prova a mezzo di postaelettronica all'indirizzo indicato nella domanda di partecipazione.Tale comunicazione ha valore di notifica a tutti gli effetti.All'atto del primo insediamento di ciascuna commissione divalutazione, la stessa provvedera' all'estrazione della letteraalfabetica dalla quale si partira' per l'espletamento della provaorale. La predetta estrazione avverra' in seduta pubblica. 2. Le tracce delle prove orali sono predisposte da ciascunacommissione secondo il programma e i contenuti di cui all'allegato Adel decreto ministeriale e secondo i criteri generali di cui all'art.6. Le commissioni ne predispongono un numero pari a tre volte quellodei candidati ammessi alla prova. Ciascun candidato estrae la tracciasu cui svolgere la prova ventiquattro ore prima dell'orarioprogrammato per la propria prova. Le tracce estratte saranno esclusedai successivi sorteggi. 3. I candidati si devono presentare nelle rispettive sedi diesame muniti di documento di riconoscimento valido e della ricevutadi versamento del contributo di cui all'art. 4. 4. Perde il diritto a sostenere la prova il concorrente che nonsi presenta nel giorno, luogo e ora stabiliti. 5. La prova del concorso non puo' aver luogo nei giorni festivine', ai sensi della legge 8 marzo 1989, n. 101, nei giorni difestivita' religiose ebraiche, nonche' nei giorni di festivita'religiose valdesi.

Art. 8 Valutazione della prova orale e dei titoli 1. Per la valutazione della prova orale e per la valutazione deititoli, la commissione ha a disposizione un punteggio massimo pari,rispettivamente, a 30 e a 70 punti. 2. La valutazione della prova orale viene effettuata dallacommissione in base ai criteri e ai punteggi indicati nelle griglienazionali di valutazione di cui all'allegato B del decretoministeriale. Ai sensi della tabella di cui all'allegato C deldecreto ministeriale, la commissione assegna ai titoli culturali eprofessionali un punteggio massimo di 70 punti.

Art. 9 Dichiarazione, presentazione e valutazione dei titoli 1. I titoli valutabili sono quelli previsti dall'allegato C deldecreto ministeriale e devono essere conseguiti, o laddove previstoriconosciuti, entro la data di scadenza del termine previsto per lapresentazione della domanda di ammissione, fermo restando quantoindicato all'art. 3 in merito al possesso dei requisiti dipartecipazione alla procedura concorsuale. 2. La commissione di valutazione valuta, esclusivamente, i titolidichiarati nella domanda di partecipazione al concorso, ai sensi deldecreto del Presidente della Repubblica 28 dicembre 2000, n. 445. 3. Ai fini di quanto disposto dal comma 2, il candidato che hasostenuto la prova orale presenta al dirigente preposto all'USRcompetente i titoli dichiarati nella domanda di partecipazione, nondocumentabili con autocertificazione o dichiarazione sostitutiva. Lapresentazione deve essere effettuata entro e non oltre quindicigiorni dalla predetta comunicazione. 4. L'amministrazione si riserva di effettuare idonei controllisul contenuto della dichiarazione di cui al comma 2, ai sensidell'art. 71 del citato decreto del Presidente della Repubblica n.445 del 2000. Le eventuali dichiarazioni presentate in modoincompleto o parziale possono essere successivamente regolarizzateentro i termini stabiliti dal competente USR. Qualora dal controlloemerga la non veridicita' del contenuto della dichiarazione, ildichiarante decade dai benefici eventualmente conseguiti sulla basedelle dichiarazioni non veritiere. Le dichiarazioni mendaci sonoperseguite a norma di legge.

Art. 10 Graduatorie di merito straordinarie regionali 1. La commissione di valutazione, dopo aver valutato la provaorale e i titoli, procede alla compilazione della graduatoria dimerito straordinaria regionale. 2. Ciascuna graduatoria comprende tutti i soggetti ammessi alledistinte procedure e che si sono sottoposti alla prova orale di cuiall'art. 6. 3. Le graduatorie, approvate con decreto dal dirigente prepostoall'USR entro il 30 luglio 2019, sono trasmesse al sistemainformativo del Ministero e sono pubblicate nell'albo e sul sitointernet dell'USR, nonche' sul sito internet del Ministero. 4. Le graduatorie sono utilizzate annualmente, nei limiti di cuiall'art. 4, comma 1-quater, lettera b) del decreto-legge, ai finidell'immissione in ruolo e sino al loro esaurimento. 5. I docenti immessi in ruolo sono sottoposti, per la conferma,al periodo di formazione e di prova di cui al decreto del Ministrodell'istruzione, dell'universita' e della ricerca 27 ottobre 2015, n.850, ad eccezione dei docenti che abbiano gia' superato positivamenteil predetto periodo, a pieno titolo o con riserva, per il postospecifico. 6. Allo scorrimento delle graduatorie di merito straordinarieregionali si applica la procedura autorizzatoria di cui all'art. 39della legge 27 dicembre 1997, n. 449 e successive modificazioni. 7. L'immissione in ruolo da una delle graduatorie di meritostraordinarie regionali comporta, ai sensi dell'art. 4, comma1-decies del decreto-legge, la decadenza dalle altre graduatorie delpredetto concorso, nonche' dalle graduatorie di istituto e dallegraduatorie ad esaurimento. 8. La rinuncia al ruolo da una delle graduatorie di meritostraordinarie regionali comporta, esclusivamente, la decadenza dallagraduatoria relativa. 9. Per le tipologie di posto per le quali e' dispostal'aggregazione territoriale delle procedure concorsuali si procedeall'approvazione di graduatorie distinte per ciascuna regione. 10. Ai sensi dell'art. 15, comma 10-bis, del decreto-legge 12settembre 2013, n. 104, convertito in legge 8 novembre 2013, n. 128,i docenti destinatari di nomina a tempo indeterminato possonochiedere il trasferimento, l'assegnazione provvisoria ol'utilizzazione in altra provincia dopo tre anni di effettivoservizio nelle province di titolarita'.

Art. 11 Presentazione dei documenti di rito per l'assunzione 1. I concorrenti assunti a tempo indeterminato sono tenuti apresentare i documenti di rito richiesti per l'assunzione. Ai sensidell'art. 15 della legge 12 novembre 2011, n. 183, i certificati egli atti di notorieta' rilasciati dalle pubbliche amministrazionisono sostituiti dalle dichiarazioni previste dagli articoli 46 e 47del decreto del Presidente della Repubblica 28 dicembre 2000, n. 445. 2. Sono confermate le eccezioni e le deroghe in materia dipresentazione dei documenti di rito, previste dalle disposizionivigenti a favore di particolari categorie.

Art. 12 Ricorsi 1. Avverso i provvedimenti relativi alla presente proceduraconcorsuale e' ammesso, per i soli vizi di legittimita', ricorsostraordinario al Presidente della Repubblica, entro centoventigiorni, oppure ricorso giurisdizionale al competente Tribunaleamministrativo regionale, entro sessanta giorni dalla data dipubblicazione o di notifica all'interessato.

Art. 13 Informativa sul trattamento dei dati personali 1. Ai sensi del regolamento 27 aprile 2016, n. 2016/679/UE delParlamento europeo cd. GDPR e del decreto legislativo 30 giugno2003, n. 196 - Codice in materia di protezione dei dati personali, siinformano i candidati che il trattamento dei dati personali da essiforniti in sede di partecipazione al concorso o comunque acquisiti atale scopo dall'amministrazione e' finalizzato unicamenteall'espletamento del concorso medesimo ed avverra' con l'ausilio diprocedure informatizzate, nei modi e nei limiti necessari perperseguire le predette finalita', anche in caso di comunicazione aterzi. I dati, resi anonimi, potranno inoltre essere utilizzati aifini di elaborazioni statistiche. 2. Il conferimento di tali dati e' facoltativo e, tuttavia,riveste i caratteri della indispensabilita' in ordine allavalutazione dei requisiti di partecipazione al concorso e al possessodei titoli, pena rispettivamente l'esclusione dal concorso ovvero lamancata valutazione dei titoli stessi. 3. Ai candidati sono riconosciuti i diritti di cui al decretolegislativo 30 giugno 2003, n. 196 e al regolamento UE 2016/679(GDPR), in particolare il diritto di accedere ai propri datipersonali, di chiederne la rettifica, l'aggiornamento e lacancellazione, se incompleti, erronei o raccolti in violazione dellalegge, di chiedere la portabilita' dei dati nonche' di opporsi alloro trattamento o di revocare il consenso, rivolgendo le richiesteal competente USR, che esercita le funzioni del titolare deltrattamento.

Art. 14 Disposizioni relative alle scuole con lingua di insegnamento slovena e bilingue sloveno-italiano 1. Ai sensi di quanto previsto dall'art. 425 e seguenti del testounico, l'Ufficio scolastico regionale per il Friuli-Venezia Giuliaprovvede ad indire concorsi straordinari per la scuola dell'infanziae primaria con lingua di insegnamento slovena per posto comune e disostegno, anche avvalendosi della collaborazione dell'ufficiospeciale di cui all'art. 13, comma 1 della legge 23 febbraio 2001, n.38.

Art. 15 Norme di salvaguardia 1. Per quanto non previsto dal presente decreto, si applicano ledisposizioni di cui al testo unico e le altre disposizioni sullosvolgimento dei concorsi ordinari per l'accesso agli impieghi nellepubbliche amministrazioni, in quanto compatibili, nonche' quellepreviste dal vigente C.C.N.L. del personale docente ed educativo delcomparto scuola. 2. Il presente decreto e' pubblicato nella Gazzetta Ufficialedella Repubblica italiana - 4 Serie speciale Concorsi ed esami.Dal giorno della pubblicazione decorrono i termini per eventualiimpugnative (centoventi giorni per il ricorso al Presidente dellaRepubblica e sessanta giorni per il ricorso giurisdizionale alTribunale amministrativo regionale competente). Roma, 7 novembre 2018 Il direttore generale: Novelli