Concorsi

Pubblici

Universita' Di Pavia

IL DIRETTORE GENERALE Visto il decreto del Presidente della Repubblica 10 gennaio 1957,n. 3, Testo unico delle disposizioni concernenti lo statuto degliimpiegati civili dello Stato, e successive modificazioni eintegrazioni; Visto il decreto del Presidente della Repubblica 3 maggio 1957,n. 686, Norme di esecuzione del testo unico delle disposizioni sullostatuto degli impiegati civili dello Stato, approvato con decreto delPresidente della Repubblica 10 gennaio 1957, n. 3, e successivemodificazioni e integrazioni; Vista la legge 9 maggio 1989, n. 168, Istituzione del Ministerodell'universita' e della ricerca scientifica e tecnologica, esuccessive modificazioni e integrazioni; Vista la legge 7 agosto 1990, n. 241 e successive modificazionied integrazioni, Nuove norme in materia di procedimentoamministrativo e di diritto di accesso ai documenti amministrativi,e successive modificazioni e integrazioni; Vista la legge 10 aprile 1991, n. 125, Azioni positive per laparita' uomo-donna nel lavoro, e successive modificazioni eintegrazioni; Vista la legge 5 febbraio 1992, n. 104, Legge-quadro perl'assistenza, l'integrazione sociale e i diritti delle personehandicappate, e successive modificazioni e integrazioni; Visto il decreto del Presidente del Consiglio dei ministri 7febbraio 1994, n. 174, Regolamento recante norme sull'accesso deicittadini degli stati membri dell'Unione europea ai posti di lavoropresso le amministrazioni pubbliche, e successive modificazioni eintegrazioni; Visto il decreto del Presidente della Repubblica 9 maggio 1994,n. 487, Regolamento recante norme sull'accesso agli impieghi nellepubbliche amministrazioni e le modalita' di svolgimento dei concorsi,dei concorsi unici e delle altre forme di assunzione nei pubbliciimpieghi, e successive modificazioni e integrazioni; Vista la legge 15 maggio 1997, n. 127, Misure urgenti per losnellimento dell'attivita' amministrativa e dei procedimenti didecisione e di controllo, e successive modificazioni e integrazioni; Vista la legge 12 marzo 1999, n. 68 Norme per il diritto allavoro dei disabili, e successive modificazioni e integrazioni; Visto il decreto del Presidente della Repubblica 28 dicembre2000, n. 445 Testo unico delle disposizioni legislative eregolamentari in materia di documentazione amministrativa, esuccessive modificazioni e integrazioni; Visti il decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196 Codice inmateria dei dati personali e il regolamento europeo 679/2016 inmateria di protezione dei dati personali; Visto il decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165 Normegenerali sull'ordinamento del lavoro alle dipendenze delleamministrazioni pubbliche, e successive modificazioni eintegrazioni; Visto il decreto legislativo 9 luglio 2003, n. 216, Attuazionedella direttiva 2000/78/CE per la parita' di trattamento in materiadi occupazione e di condizioni di lavoro, e successive modificazionie integrazioni; Visto il decreto legislativo 11 aprile 2006, n. 198 Codice dellepari opportunita' tra uomo e donna, a norma dell'art. 6 della legge28 novembre 2005, n. 246, e successive modificazioni e integrazioni; Visto il decreto-legge 25 giugno 2008, n. 112, convertito conmodificazioni dalla legge 6 agosto 2008, n. 133, Disposizioniurgenti per lo sviluppo economico, la semplificazione, lacompetitivita', la stabilizzazione della finanza pubblica e laperequazione tributaria, e successive modificazioni e integrazioni; Visto il decreto legislativo 27 ottobre 2009, n. 150, Attuazionedella legge 4 marzo 2009, n. 15, in materia di ottimizzazione dellaproduttivita' del lavoro pubblico e di efficienza e trasparenza dellepubbliche amministrazioni, e successive modificazioni eintegrazioni; Visto il decreto legislativo 15 marzo 2010, n. 66, Codicedell'ordinamento militare, e successive modificazioni eintegrazioni; Visto il decreto legislativo 24 febbraio 2012, n. 20, pubblicatonella Gazzetta Ufficiale n. 60 del 12 marzo 2012, Modifiche edintegrazioni al decreto legislativo 15 marzo 2010, n. 66, recantecodice dell'ordinamento militare, a norma dell'art. 14, comma 18,della legge 28 novembre 2005, n. 246 che prevede una riservaobbligatoria del 30% dei posti messi a concorso a favore deivolontari in ferma breve o in ferma prefissata di durata di cinqueanni delle tre Forze armate, congedati senza demerito, degliufficiali di complemento in ferma biennale e degli ufficiali in fermaprefissata che hanno completato senza demerito la ferma contratta; Considerato che tale riserva e' operante e da' contestualmenteluogo ad una unita' di posto che si provvede quindi contestualmente ariservare agli appartenenti alle categorie di cui al decretolegislativo 15 marzo 2010, n. 66 successive modificazioni eintegrazioni; Vista la legge 30 dicembre 2010, n. 240, Norme in materia diorganizzazione delle universita', di personale accademico ereclutamento, nonche' delega al Governo per incentivare la qualita' el'efficienza del sistema universitario, e successive modificazioni eintegrazioni; Visto il decreto-legge 29 dicembre 2011, n. 216, convertito conlegge 24 febbraio 2012, n. 14, Proroga di termini previsti dadisposizioni legislative, e successive modificazioni e integrazioni; Visto il decreto legislativo 29 marzo 2012, n. 49, Disciplinaper la programmazione, il monitoraggio e la valutazione dellepolitiche di bilancio e di reclutamento degli atenei, in attuazionedella delega prevista dall'art. 5, comma 1, della legge 30 dicembre2010, n. 240 e per il raggiungimento degli obiettivi previsti dalcomma 1, lettere b) e c), secondo i principi normativi e i criteridirettivi stabiliti al comma 4, lettere b), c), d), e) ed f) e alcomma 5, e successive modificazioni e integrazioni; Visto il decreto-legge 6 luglio 2012, n. 95, convertito con legge7 agosto 2012, n. 135, Disposizioni urgenti per la revisione dellaspesa pubblica con invarianza dei servizi ai cittadini nonche' misuredi rafforzamento patrimoniale delle imprese del settore bancario, esuccessive modificazioni e integrazioni; Vista la legge 6 agosto 2013, n. 97, Disposizioni perl'adempimento degli obblighi derivanti dall'appartenenza dell'Italiaall'Unione europea - legge europea 2013, e successive modificazionie integrazioni; Visto il decreto-legge 31 agosto 2013, n. 101, convertito conlegge 30 ottobre 2013, n. 125, Disposizioni urgenti per ilperseguimento di obiettivi di razionalizzazione nelle pubblicheamministrazioni, e successive modificazioni e integrazioni; Vista la legge 27 dicembre 2017, n. 205, pubblicata nellaGazzetta Ufficiale n. 302 del 29 dicembre 2017, Bilancio diprevisione dello Stato per l'anno finanziario 2018 e bilanciopluriennale per il triennio 2018-2020, e successive modificazioni eintegrazioni;. Visto il vigente Contratto collettivo nazionale di lavororelativo al personale del comparto universita'; Visto il decreto rettorale n. 3/2018 dell'8 gennaio 2018,protocollo n. 648, Regolamento in materia di accesso ai ruoli delpersonale tecnico-amministrativo e collaboratori ed espertilinguistici dell'Universita' degli studi di Pavia; Visto lo statuto dell'Universita' degli studi di Pavia in vigoredall'11 aprile 2012; Vista la delibera del Consiglio di amministrazione del 28novembre 2017, repertorio n. 352, con la quale e' stata approvatal'attribuzione Punti organico e definizione di criteri prioritari perla programmazione anni 2018/2020 nella quale vengono indicati icriteri prioritari secondo i quali programmare le assunzioni; Vista la delibera n. 359/2017, n. 346/2015 del Consiglio diamministrazione del 22 dicembre 2015 del 21 dicembre 2017 Budget2018-Budget triennale 2018-2020; Considerato che per la stipula del contratto di cui alla presenteselezione saranno utilizzati punti derivanti dalle cessazioni anniprecedenti; Considerato che l'Ateneo ha provveduto ad attivare la proceduradi mobilita' interna riservata al personale tecnico-amministrativo inservizio presso l'Ateneo, ai sensi dell'art. 57 del C.C.N.L.2006-2009 del comparto universita' e nel rispetto dell'art. 7 delregolamento per la mobilita' del personale tecnico-amministrativo atempo indeterminato dell'Universita' degli studi di Pavia, nonche' dimobilita' compartimentale ed intercompartimentale prevista dagliarticoli 29-bis e seguenti del decreto legislativo 30 marzo 2001, n.165 per la copertura di un posto di categoria D/1 - area tecnica,tecnico-scientifica ed elaborazione dati - per le esigenze del CentroGrandi strumenti dell'Universita' degli studi di Pavia; Vista la nota prot. n. 56131 del 12 luglio 2018 indirizzata alDipartimento della funzione pubblica - servizio organizzazione ufficie fabbisogni del personale delle PA, programmazione assunzioni,reclutamento, mobilita' e valutazione, con la quale questo Ateneo, aisensi dell'art. 34-bis, comma 1, del decreto legislativo 30 marzo2001, n. 165, ha comunicato l'intenzione di avviare una procedura diselezione pubblica, per titoli ed esami, a un posto di categoriaD/1 - area tecnica, tecnico-scientifica ed elaborazione dati - per leesigenze del Centro Grandi strumenti dell'Universita' degli studi diPavia; Accertato che con riferimento al posto messo a concorso dalpresente bando non e' pervenuta a questo Ateneo alcuna istanza dimobilita' interna e di mobilita' compartimentale edintercompartimentale; Considerato che la Presidenza del Consiglio dei ministri -Dipartimento della funzione pubblica - non e' intervenuta nei tempidi legge, in merito all'assegnazione di personale richiesto per leesigenze segnalate da questa Universita'; Considerato che non esistono graduatorie vigenti utili perl'assunzione a tempo indeterminato di personale con il profilorichiesto; Accertata la necessaria copertura finanziaria; Ritenuto di dover provvedere; Dispone: Art. 1 Selezione pubblica E' indetto un concorso pubblico, per titoli ed esami, a tempoindeterminato, per la copertura di un posto di categoria D -posizione economica D1 - area tecnica, tecnico-scientifica edelaborazione dati - per le esigenze del Centro Grandi strumentidell'Universita' degli studi di Pavia. (Codice 2018_D1CGS_1). Il posto messo a concorso e' prioritariamente riservato a favoredei volontari in ferma breve o in ferma prefissata di durata dicinque anni delle tre Forze armate, congedati senza demerito, degliufficiali di completamento in ferma biennale e degli ufficiali inferma prefissata che hanno completato senza demerito la fermacontratta. Nel caso in cui non ci siano idonei che abbiano titolo adusufruire della suddetta riserva, l'amministrazione procedera' allacopertura del posto, ai sensi e nei limiti della normativa vigente,secondo l'ordine della graduatoria generale di merito. L'amministrazione garantisce parita' e pari opportunita' trauomini e donne per l'accesso al lavoro ed il trattamento sul lavoro. Il vincitore dovra' occuparsi di: progettare circuiti elettronici per prototipi necessari inesperimenti scientifici; realizzare circuiti elettronici analogici/digitali e layout suCAD elettronico; eseguire il montaggio di schede elettroniche anche concomponenti SMD; interfacciare schede elettroniche commerciali allastrumentazione di laboratorio e ad apparati elettro-meccanici; programmare firmware in linguaggio C su microcontrollori (esMicrochip, Atmel, etc) utilizzando i relativi ambienti di sviluppo. Per lo svolgimento di tali attivita' si richiedono le seguenticapacita' professionali, conoscenze e competenze: conoscenza linguaggio C; conoscenza di microcontrollori (esempio Microchip, Atmel) e CADelettronico; competenze di elettronica analogica e digitale; competenze base di elettronica di potenza; conoscenza della lingua inglese scritta e parlata; labView; accuratezza e coscienziosita' nell'applicazione delleprocedure; accuratezza e coscienziosita' nell'impiego dellastrumentazione; buona predisposizione alla collaborazione con colleghi; attitudine al lavoro di gruppo, con approccio collaborativo edinamico.

Art. 2 Requisiti per l'ammissione alla selezione Per l'ammissione al concorso e' richiesto il possesso deiseguenti requisiti: 1) Titolo di studio: e' richiesto il possesso di una delleseguenti lauree: a). laurea triennale nella classe L-8 - Ingegneriadell'informazione o equipollente; b). laurea triennale nella classe L-30 - Scienze e tecnologiefisiche o equipollente; c). laurea triennale nella classe L-9 - Ingegneriaindustriale o equipollente; d). laurea magistrale nella classe LM-17 - Fisica oequipollente; e). laurea magistrale nella classe LM-21 - Ingegneriabiomedica o equipollente; f). laurea magistrale nella classe LM-25 - Ingegneriadell'automazione; g). laurea magistrale nella classe LM-28 - Ingegneriaelettrica o equipollente; h). laurea magistrale classe LM-29 - Ingegneria elettronica oequipollente; i). laurea magistrale nella classe LM-32 - Ingegneriainformatica o equipollente. Per i titoli di studio conseguiti all'estero e' richiesto ilriconoscimento di equipollenza ai sensi della vigente normativa inmateria, oppure la dichiarazione di equivalenza, ai fini dellapresente selezione, ai sensi dell'art. 38 del decreto legislativo n.165/2001. La dichiarazione di equivalenza dovra' risultare da idoneacertificazione rilasciata dalla Presidenza del Consiglio deiministri, Dipartimento per la funzione pubblica. I candidati che, al momento della domanda, non siano ancora inpossesso della suddetta certificazione devono produrre ricevutadell'avvenuto invio della richiesta di riconoscimento di equivalenzaall'Autorita' competente. Il modulo per la richiesta di equivalenza del titolo di studioestero e' reperibile all'indirizzo:http://www.funzionepubblica.gov.it/strumenti-e-controlli/modulistica 2) Cittadinanza italiana. Sono equiparati ai cittadini gliitaliani non appartenenti alla Repubblica (San Marino, Citta' delVaticano) ovvero cittadinanza di uno degli stati dell'Unione europeao loro familiari non aventi la cittadinanza di uno stato membropurche' siano titolari del diritto di soggiorno o del diritto disoggiorno permanente, nonche' cittadini di paesi terzi che sianotitolari del permesso di soggiorno CE per soggiornanti di lungoperiodo o che siano titolari dello status di rifugiato ovvero dellostatus di protezione sussidiaria. I cittadini degli stati membri dell'Unione europea o lorofamiliari o cittadini di paesi terzi di cui al precedente punto 2)devono possedere i seguenti requisiti: a) godere dei diritti civili e politici anche negli stati diappartenenza o di provenienza; b) essere in possesso, fatta eccezione della titolarita'della cittadinanza italiana, di tutti gli altri requisiti previstiper i cittadini della Repubblica; c) avere adeguata conoscenza della lingua italiana. 3) Eta' non inferiore agli anni diciotto. 4) Idoneita' fisica all'impiego. 5) Avere ottemperato, per i nati fino al 1985, alle norme sulreclutamento militare. 6) Non essere stato escluso dall'elettorato politico attivo. 7) Non essere stato destituito o dispensato dall'impiego pressouna pubblica amministrazione per persistente insufficienterendimento, non essere stato dichiarato decaduto da un impiegostatale per aver conseguito l'impiego stesso mediante la produzionedi documenti falsi o viziati da invalidita' non sanabili e non esserestato licenziato a decorrere dalla data di entrata in vigore delprimo contratto collettivo di lavoro (21 maggio 1996). 8) Non aver riportato condanne che comportino l'interdizionedai pubblici uffici; 9) Per beneficiare della riserva di cui all'art. 1 del bando:essere in possesso dei requisiti previsti dai decreti legislativi n.15/2001, n. 236/2003 e n. 20/2012. I requisiti prescritti, compresa la dichiarazione d'equipollenzadell'eventuale titolo di studio conseguito all'estero, devono essereposseduti alla data di scadenza del termine stabilito dal bando diconcorso per la presentazione della domanda d'ammissione. I candidati sono ammessi al concorso con riserva. L'amministrazione puo' disporre in qualunque momento, concomunicazione motivata del direttore generale, l'esclusione dalconcorso per difetto dei requisiti prescritti.

Art. 3 Presentazione della domanda Termini e modalita' La domanda di partecipazione al concorso, nonche' i relativiallegati, devono essere presentati, entro il termine perentoriodi trenta giorni successivi dalla data di pubblicazione del bandonella Gazzetta Ufficiale 4 Serie speciale Concorsi ed esami - pervia telematica utilizzando la piattaforma Pica (PiattaformaIntegrata Concorsi Atenei). Tale procedura e' disponibile, entro ilsecondo giorno lavorativo successivo alla data di pubblicazione inGazzetta, alla pagina: https://pica.cineca.it/unipv/2018_DCGS_1dell'Universita' degli studi di Pavia. L'applicazione informatica richiedera' necessariamente ilpossesso di un indirizzo di posta elettronica per poter effettuare laregistrazione al sistema. La domanda di partecipazione deve essere compilata in tutte lesue parti, secondo quanto indicato nella procedura telematica. Ilcandidato dovra' inoltre allegare, in formato elettronico, idocumenti di cui al presente bando. La presentazione della domanda di partecipazione dovra' essereperfezionata e conclusa secondo le seguenti modalita': mediante firma digitale, utilizzando smart card, token USB ofirma remota che consenta al titolare di sottoscrivere digitalmente idocumenti: il candidato che dispone di una smart card o di un token USBo firma remota potra' verificarne la compatibilita' con il sistema difirma digitale integrato nel sistema ConcorsiOnLine. In caso di esitopositivo il titolare potra' sottoscrivere la domanda direttamente sulserver; il candidato che non dispone di dispositivi di firma digitalecompatibili con il sistema ConcorsiOnLine e i titolari di firmedigitali remote che hanno accesso a un portale per la sottoscrizionedi documenti generici, dovranno salvare sul proprio PC il file PDFgenerato dal sistema e, senza in alcun modo modificarlo, firmarlodigitalmente in formato CAdES: verra' generato un file con estensione.p7m che dovra' essere nuovamente caricato sul sistema. Qualsiasimodifica apportata al file prima dell'apposizione della firmadigitale impedira' la verifica automatica della corrispondenza tra ilcontenuto di tale documento e l'originale e cio' comportera'l'esclusione della domanda. In caso di impossibilita' di utilizzo di una delle due opzionisopra riportate: mediante sottoscrizione della domanda: il candidato, dopo aversalvato sul proprio PC il file PDF generato dal sistema e, senzaapportare alcuna modifica, dovra' stamparlo e apporre la propriafirma autografa per esteso sull'ultima pagina. Tale documento dovra' poi essere scansionato e caricato asistema. Entro la scadenza prevista per la presentazione delle domande ilsistema consente il salvataggio dell'istanza in modalita' bozza ondeconsentirne il successivo perfezionamento ed invio. In caso di necessita', sempre entro il termine utile per lapresentazione, e' possibile altresi' ritirare una domanda gia'inviata e presentarne una nuova. Il servizio potra' subire momentanee sospensioni per esigenzetecniche. La data e l'ora di presentazione telematica della domanda dipartecipazione alla selezione e' certificata dal sistema informaticomediante ricevuta che verra' automaticamente inviata via e-mail. Ad ogni domanda verra' attribuito un numero identificativo che,unitamente al codice concorso indicato nell'applicazione informatica,dovra' essere specificato per qualsiasi comunicazione successiva. La procedura di compilazione e l'invio telematico della domandadovranno essere completati entro e non oltre le ore 23,59 del giornodi scadenza del bando. Allo scadere del termine utile per la presentazione, il sistemanon permettera' piu' l'accesso e l'invio del modulo elettronico. I cittadini non italiani che intendano candidarsi al concorsodevono presentare domanda di partecipazione secondo le modalita' e itermini indicati nella presente disposizione, fermo restando quantoprevisto dall'art. 4 del presente bando. Per l'invio telematico della documentazione dovranno essereutilizzati formati statici e non direttamente modificabili, privi dimacroistruzioni e di codici eseguibili, in formato pdf, i documentinon devono avere una dimensione superiore ai 30 MB. L'amministrazione non assume alcuna responsabilita' per ladispersione di comunicazioni dipendente da inesatte indicazioni direcapito o da non avvenuta o tardiva informazione di variazionedell'indirizzo indicato nella domanda, ne' per eventuali disguidiimputabili a fatto di terzi, a caso fortuito o forza maggiore. Eventuali informazioni o chiarimenti in merito alle modalita' dipresentazione delle domande possono essere richieste al Servizioorganizzazione e innovazione ai numeri 0382 984979-4162-4988 dalleore 09,00 alle ore 12,00 e dalle ore 14,00 alle ore 15,00. Per la segnalazione di problemi esclusivamente tecnici contattareil seguente indirizzo e-mail: unipv@cineca.it

Art. 4 Contenuto della domanda Nella domanda di partecipazione il candidato dovra' dichiarare: a) nome e cognome; b) codice fiscale; c) data e luogo di nascita, indirizzo di residenza, recapitotelefonico e indirizzo e-mail; d) il possesso della cittadinanza italiana o di uno degli statidell'Unione europea o di essere familiare di un cittadino di unodegli stati membri dell'Unione europea titolare di diritto disoggiorno o del diritto di soggiorno permanente, o di esserecittadino di paesi terzi che siano titolari del permesso di soggiornoCE per soggiornanti di lungo periodo o di essere titolari dellostatus di rifugiato ovvero dello status di protezione sussidiaria(sono equiparati ai cittadini gli italiani non appartenenti allaRepubblica); e) (se cittadino italiano): il comune ove e' iscritto nelleliste elettorali, ovvero i motivi della non iscrizione o dellacancellazione da tali liste; f) (se cittadino di uno degli stati membri dell'Unione europeao familiare di un cittadino di uno degli stati membri dell'Unioneeuropea o se cittadino di paesi terzi): di godere dei diritti civilie politici anche nello stato di appartenenza o di provenienza ovveroi motivi del mancato godimento e di avere adeguata conoscenza dellalingua italiana; g) di non aver mai riportato condanne penali e di non averprocedimenti penali in corso. In caso contrario indicare le condanneriportate, specificando la data della sentenza e l'autorita'giudiziaria che l'ha emessa, da indicare anche se e' stata concessaamnistia, perdono giudiziale, condono, indulto, non menzione, ecc. eanche se nulla risulta sul casellario giudiziale. I procedimentipenali pendenti devono essere indicati qualsiasi sia la natura deglistessi; h) il possesso del titolo di studio di cui all'art. 2 delbando; i) la posizione nei riguardi degli obblighi militari; j) gli eventuali servizi prestati presso pubblicheamministrazioni e le cause di risoluzione di precedenti rapporti diimpiego; k) di non essere stato destituito o dispensato dall'impiegopresso una pubblica amministrazione per persistente insufficienterendimento, non essere stato dichiarato decaduto da un impiegostatale per aver conseguito l'impiego stesso mediante la produzionedi documenti falsi o viziati da invalidita' non sanabili e non esserestato licenziato a decorrere dalla data di entrata in vigore delprimo Contratto collettivo nazionale di lavoro (21 maggio 1996). l) di avere l'idoneita' fisica all'impiego; m) per beneficiare della riserva di cui all'art. l del bando:di essere in possesso dei requisiti previsti dai decreti legislativin. 15/2001, n. 236/2003 e n. 20/2012; n) eventuale possesso di titoli che danno diritto ad usufruiredelle preferenze, a parita' di merito, previste dall'art. 9 delpresente bando. Ai sensi degli articoli 46 e 47 del decreto del Presidente dellaRepubblica n. 445/2000 e sotto la propria responsabilita' i cittadiniitaliani o di uno degli stati dell'Unione europea devonoautocertificare, nei casi e nei limiti previsti dalla normativavigente, i titoli richiesti dal bando per la partecipazione alconcorso e tutti i titoli che ritengano opportuno presentare aglieffetti della valutazione di merito. Nell'autocertificazione il candidato deve specificare in modoanalitico e preciso ogni elemento utile al fine della valutazione deititoli e dell'espletamento dei necessari controlli sulla veridicita'dei dati autocertificati. Nella domanda di ammissione al concorso i cittadini di stati nonappartenenti all'Unione europea possono autocertificare soltantostati, fatti e qualita' contenuti in pubblici registri italiani,mentre devono procedere ad allegare le certificazioni relative astati, fatti e qualita' in tutti i casi in cui questi ultimi sianostati certificati da autorita' di paesi non appartenenti all'Unioneeuropea, corredate di traduzione in lingua italiana autenticatadall'Autorita' consolare italiana che ne attesta la conformita'all'originale. I titoli scientifici, quali pubblicazioni e lavori originaliattinenti al posto a concorso, devono essere prodotti in formato pdf.non modificabile. Il candidato dovra' allegare alla domanda di partecipazione alconcorso un curriculum formativo, sempre dettagliando in modoanalitico e preciso ogni elemento utile al fine della valutazione deititoli e dell'espletamento dei necessari controlli di veridicita'. Ai sensi dell'art. 40, comma 1 del decreto del Presidente dellaRepubblica n. 445/2000, si invita a non allegare alla domanda diammissione alcun certificato. Eventuali certificazioni allegate nonpotranno essere prese in considerazione ai fini della valutazionedella candidatura. I candidati portatori di handicap, in relazione alla propriadisabilita', possono richiedere l'utilizzo di appositi ausili. In applicazione della legge n. 170/2010, i candidati con disturbispecifici dell'apprendimento potranno usufruire del 30% di tempoaggiuntivo nelle prove scritte, e di eventuali ulteriori ausili,previa richiesta, di supporti. Tale richiesta dovra' essere effettuata esclusivamente all'attodella compilazione della candidatura on-line seguendo le indicazionifornite in procedura. I candidati sono tenuti a versare un importo, non rimborsabile,pari a