Concorsi

Pubblici

Presidenza Del Consiglio Dei Ministri

IL SEGRETARIO GENERALE Vista la legge 20 ottobre 1990, n. 302, recante norme a favoredelle vittime del terrorismo e della criminalita' organizzata, esuccessive modificazioni; Vista la legge 23 novembre 1998, n. 407, recante nuove norme infavore delle vittime del terrorismo e della criminalita' organizzatae successive modificazioni; Visto, in particolare, l'art. 4 della legge n. 407 del 1998, cheprevede, per l'istituzione di borse di studio a favore delle vittimedel terrorismo e della criminalita' organizzata, nonche' dei lorosuperstiti e delle vittime del dovere e dei loro superstiti,un'autorizzazione di spesa di lire 1.000 milioni annue a decorreredall'anno scolastico 1997-1998; Visto, altresi', l'art. 5 della legge n. 407 del 1998, secondocui, con uno o piu' regolamenti, sono dettate le norme di attuazionedella medesima legge; Visto l'art. 46, comma 1, lettera o), del decreto del Presidentedella Repubblica 28 dicembre 2000, n. 445; Vista la legge 3 agosto 2004, n. 206, recante nuove norme infavore delle vittime del terrorismo e delle stragi di tale matrice esuccessive modificazioni; Visto il decreto del Presidente della Repubblica 7 luglio 2006,n. 243, recante regolamento concernente termini e modalita' dicorresponsione delle provvidenze alle vittime del dovere ed aisoggetti equiparati, ai fini della progressiva estensione deibenefici gia' previsti in favore delle vittime della criminalita' edel terrorismo, a norma dell'art. 1, comma 565, della legge 23dicembre 2005, n. 266; Visto il decreto del Presidente della Repubblica 5 maggio 2009,n. 58, recante regolamento recante modifiche ed integrazioni aldecreto del Presidente della Repubblica n. 318 del 2001 perl'assegnazione delle borse di studio in favore delle vittime delterrorismo e della criminalita' organizzata, delle vittime deldovere, nonche' dei loro superstiti, emanato in attuazione dell'art.5 della legge n. 407 del 1998, nell'ambito del quale sono individuatiil numero e l'importo delle borse di studio da assegnare sulla basedello stanziamento indicato dall'art. 4 della stessa legge n. 407 del1998; Visto, in particolare, l'art. 3 del citato decreto del Presidentedella Repubblica n. 58 del 2009, secondo cui la Presidenza delConsiglio dei ministri provvede a bandire i concorsi perl'assegnazione delle borse di studio; Visto il decreto legislativo 15 marzo 2010, n. 66, recante codicedell'ordinamento militare, e in particolare l'art. 1837, comma 1, chedispone che nei confronti del personale dell'Esercito italiano, dellaMarina militare e dell'Aeronautica militare, trovano applicazione ledisposizioni in materia di borse di studio riservate alle vittime delterrorismo e della criminalita' organizzata, nonche' agli orfani e aifigli delle medesime, ai sensi dell' art. 4, comma 1, della legge 23novembre 1998, n. 407, e l'art. 1904, secondo cui al personalemilitare spettano le provvidenze in favore delle vittime delterrorismo, della criminalita' e del dovere, previste dalle seguentidisposizioni: a) legge 13 agosto 1980, n. 466; b) legge 20 ottobre1990, n. 302; c) legge 23 novembre 1998, n. 407; d) legge 3 agosto2004, n. 206; e) legge 10 ottobre 2005, n. 207; Visto l'art. 5 del decreto-legge 6 dicembre 2011, n. 201,convertito dalla legge 22 dicembre 2011, n. 214, cosi' comemodificato dall'art. 23, comma 12-bis, del decreto-legge 6 luglio2012, n. 95, convertito dalla legge 7 agosto 2012, n. 135,concernente l'introduzione dell'ISEE per la concessione diagevolazioni fiscali e benefici assistenziali; Vista la legge 30 dicembre 2018, n. 145, recante bilancio diprevisione dello Stato per l'anno finanziario 2019 e bilanciopluriennale per il triennio 2019-2021, ed in particolare l'art. 8,recante stato di previsione del Ministero dell'istruzione,dell'universita' e della ricerca; Visto il decreto del Ministro dell'economia e delle finanze 31dicembre 2018 - inerente la ripartizione in capitoli delle Unita' divoto parlamentare relative al bilancio di previsione dello Stato perl'anno finanziario 2019 e per il triennio 2019-2021, e in particolarela tabella 7, in cui e' indicata la consistenza pari ad