Concorsi

Pubblici

Ministero Dell'istruzione, Dell'universita' E Della Ricerca - Dipartimento Per Il Sistema Educativo Di Istruzione E Formazione

IL DIRETTORE GENERALE per il personale scolastico Vista la legge 7 agosto 1990, n. 241, recante Nuove norme inmateria di procedimento amministrativo e di diritto di accesso aidocumenti amministrativi e successive modificazioni, nonche' ildecreto del Presidente della Repubblica 12 aprile 2006, n. 184,regolamento recante Disciplina in materia di accesso ai documentiamministrativi; Vista la legge 19 novembre 1990, n. 341, recante Riforma degliordinamenti didattici universitari e successive modificazioni; Vista la legge 28 marzo 1991, n. 120, recante Norme in favoredei privi della vista per l'ammissione ai concorsi nonche' allacarriera direttiva nella pubblica amministrazione e negli entipubblici, per il pensionamento, per l'assegnazione di sede e lamobilita' del personale direttivo e docente della scuola concernentenorme a favore dei privi della vista per l'ammissione ai concorsi; Vista la legge 5 febbraio 1992, n. 104, recante Legge quadro perl'assistenza, l'integrazione sociale e i diritti delle personehandicappate e successive modificazioni; Visto il decreto legislativo 16 aprile 1994, n. 297, e successivemodificazioni, con il quale e' stato approvato il testo unico delledisposizioni legislative in materia di istruzione; Vista la legge 15 maggio 1997, n. 127, recante Misure urgentiper lo snellimento dell'attivita' amministrativa e dei procedimentidi decisione e di controllo e successive modificazioni; Vista la legge 12 marzo 1999, n. 68, recante norme per il dirittoal lavoro dei disabili; Visto il decreto legislativo 30 giugno 1999, n. 233, recanteRiforma degli organi collegiali territoriali della scuola, a normadell'art. 21 della legge 15 marzo 1997, n. 59 e in particolarel'art. 2 che individua le competenze e la composizione del Consigliosuperiore della pubblica istruzione; Visto il decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165, recanteNorme generali sull'ordinamento del lavoro alle dipendenze delleamministrazioni pubbliche e successive modificazioni; Visto il decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196, recanteCodice in materia di protezione dei dati personali e successivemodificazioni; Visti i decreti legislativi 9 luglio 2003, n. 215 e n. 216,concernenti, rispettivamente, l'attuazione della direttiva 2000/43 CEper la parita' di trattamento tra le persone, indipendentemente dallarazza e dall'origine etnica, e l'attuazione della direttiva 2000/78CE per la parita' di trattamento tra le persone, senza distinzione direligione, di convinzioni personali, di handicap, di eta' e diorientamento sessuale; Visto il decreto legislativo 7 marzo 2005, n. 82, recante Codicedell'amministrazione digitale e successive modificazioni; Visto il decreto legislativo 11 aprile 2006, n. 198, recanteCodice delle pari opportunita' tra uomo e donna e successivemodificazioni; Vista la legge 29 dicembre 2006, n. 296, ed in particolare l'art.1, comma 601, lettera c); Visto il decreto legislativo 9 novembre 2007, n. 206, comemodificato dal decreto legislativo 28 gennaio 2016, n. 15; Vista la legge 18 giugno 2009, n. 69, recante Disposizioni perlo sviluppo economico, la semplificazione, la competitivita' nonche'in materia di processo civile e successive modificazioni, ed inparticolare l'art. 32; Visti gli articoli 1014, comma 3, e 678, comma 9, del decretolegislativo 15 marzo 2010, n. 66; Vista la legge 8 ottobre 2010, n. 170, recante Nuove norme inmateria di disturbi specifici di apprendimento in ambito scolastico; Visto il decreto-legge 9 febbraio dicembre 2012, n. 5, convertitocon modificazioni dalla legge 4 aprile 2012, n. 35, recanteDisposizioni urgenti in materia di semplificazione e sviluppo esuccessive modificazioni e in particolare l'art. 8, comma 1, ove sidispone che le domande e i relativi allegati per la partecipazione aconcorsi per l'assunzione nelle pubbliche amministrazioni centralisiano inviate esclusivamente per via telematica; Vista la legge 6 agosto 2013, n 97, recante Disposizioni perl'adempimento degli obblighi derivanti dall'appartenenza dell'Italiaall'Unione europea - legge europea 2013 e in particolare l'art. 7; Vista la legge 13 luglio 2015, n. 107, recante Riforma delsistema nazionale di istruzione e formazione e delega per il riordinodelle disposizioni legislative vigenti; Visto il decreto legislativo 13 aprile 2017 n. 59, recanteRiordino, adeguamento e semplificazione del sistema di formazioneiniziale e di accesso nei ruoli di docente nella scuola secondariaper renderlo funzionale alla valorizzazione sociale e culturale dellaprofessione, a norma dell'art. 1, commi 180 e 181, lettera b), dellalegge 13 luglio 2015, n. 107, ed in particolare l'art. 17, comma 6,che prevede che con decreto del Ministro dell'istruzione,dell'universita' e della ricerca siano disciplinati il contenuto delbando, il termine e le modalita' di presentazione delle istanze, diespletamento della prova orale e di valutazione della prova e deititoli, i titoli valutabili nonche' la composizione della commissionedi valutazione; Visto il decreto legislativo 13 aprile 2017, n. 61, recanteRevisione dei percorsi dell'istruzione professionale nel rispettodell'art. 117 della Costituzione, nonche' raccordo con i percorsidell'istruzione e formazione professionale, a norma dell'art. 1,commi 180 e 181, lettera d), della legge 13 luglio 2015, n. 107; Visto il decreto del Presidente della Repubblica 9 maggio 1994,n. 487, recante Regolamento recante norme sull'accesso agli impieghinelle pubbliche amministrazioni e le modalita' di svolgimento deiconcorsi, dei concorsi unici e delle altre forme di assunzione neipubblici impieghi e successive modificazioni; Visto il decreto del Presidente della Repubblica 28 dicembre2000, n. 445, recante Testo unico delle disposizioni legislative eregolamentari in materia di documentazione amministrativa esuccessive modificazioni, ed in particolare l'art. 38; Visti i decreti del Presidente della Repubblica 15 marzo 2010, n.87, n. 88 e n. 89, recanti i regolamenti per il riordino degliistituti professionali, degli istituti tecnici e dei licei a normadell'art. 64, comma 4, del decreto-legge 25 giugno 2008, n. 112,convertito, con modificazioni, dalla legge 6 agosto 2008, n. 133; Visto il decreto del Presidente della Repubblica 14 febbraio2016, n. 19, recante Regolamento recante disposizioni per larazionalizzazione ed accorpamento delle classi di concorso a cattedree a posti di insegnamento, a norma dell'art. 64, comma 4, lettera a),del decreto-legge 25 giugno 2008, n. 112, convertito, conmodificazioni, dalla legge 6 agosto 2008, n. 133 Visto il decreto del Ministro dell'istruzione, dell'universita' edella ricerca 26 maggio 1998, concernente criteri generali per ladisciplina da parte delle universita' degli ordinamenti dei corsi dilaurea in scienze della formazione primaria e delle scuole dispecializzazione all'insegnamento secondario e in particolare l'art.3, comma 6 e l'art. 4, comma 8 che disciplinano l'acquisizione deltitolo di specializzazione sul sostegno nell'ambito dei predettipercorsi; Visto il decreto del Ministro della pubblica istruzione 7dicembre 2006, n. 305, regolamento recante Identificazione dei datisensibili e giudiziari trattati e delle relative operazionieffettuate dal Ministero della pubblica istruzione; Visto il decreto del Ministro dell'istruzione, dell'universita' edella ricerca 10 settembre 2010, n. 249, recante Regolamentoconcernente la definizione della disciplina dei requisiti e dellaformazione iniziale degli insegnanti della scuola dell'infanzia,della scuola primaria e della scuola secondaria di secondo grado esuccessive modificazioni; Visto il decreto del Ministro dell'istruzione, dell'universita' edella ricerca n. 92 del 23 febbraio 2016 recante Riconoscimento deititoli di specializzazione in Italiano Lingua 2; Visto il decreto del Ministro dell'istruzione, dell'universita' edella ricerca n. 93 del 23 febbraio 2016 recante Costituzione diambiti disciplinari finalizzati allo snellimento delle procedureconcorsuali e di abilitazione all'insegnamento; Visto il decreto del Ministro dell'istruzione, dell'universita' edella ricerca n. 95 del 23 febbraio 2016 recante Prove di esame eprogrammi del concorso per titoli ed esami per l'accesso ai ruoli delpersonale docente della scuola dell'infanzia, primaria, secondaria diprimo e secondo grado nonche' del personale docente specializzato peril sostegno agli alunni con disabilita'; Visto il decreto del Ministro dell'istruzione, dell'universita' edella ricerca n. 259 del 9 maggio 2017, che dispone la revisione el'aggiornamento della tipologia delle classi di concorso perl'accesso ai ruoli del personale docente della scuola secondaria diprimo e secondo previste dal decreto del Presidente della Repubblican. 19/2016 come indicato nell'allegato A che costituisce parteintegrante e sostanziale del decreto medesimo; Visto il decreto del Ministro dell'istruzione, dell'universita' edella ricerca del 15 dicembre 2017, n. 995,restituito dalla Corte deiconti con nota prot. 192 del 3 gennaio 2018 poiche' non rientrantetra gli atti sottoposti a controllo, che disciplina le modalita' diespletamento della procedura concorsuale di cui all'art. 17 comma 2lettera b) e commi 3, 4, 5 e 6 del decreto legislativo 13 aprile 2017n. 59, ed in particolare la tabella A allegata al suddetto decreto,recante Tabella di ripartizione del punteggio dei titoli valutabilinei concorsi a titoli ed esami per l'accesso ai ruoli del personaledocente ed educativo nella scuola dell'infanzia, primaria, secondariadi I e II grado, nonche' del personale docente per il sostegno aglialunni con disabilita', adottata ai sensi dell'art. 400, comma 8, deldecreto legislativo 16 aprile 1994, n. 297; Visto il decreto del Ministro dell'istruzione, dell'universita' edella ricerca del 14 dicembre 2017, n. 984 , registrato dalla Cortedei conti al numero 192 in data 22 gennaio 2018, recante ladisciplina delle procedure e dei criteri per le modalita' di verificadegli standard professionali in itinere e finale, inclusel'osservazione sul campo, la definizione della struttura del bilanciodelle competenze e del portfolio professionale del personale docente,di cui all'art. 13 del richiamato decreto legislativo 13 aprile 2017,n. 59; Vista la sentenza della Corte costituzionale n. 251 del 8novembre 2017, con la quale e' stato dichiarato costituzionalmentel'art. 17, terzo comma, ultimo periodo, del decreto legislativo 13aprile 2017, n. 59; Visto il contratto collettivo nazionale di lavoro del compartoscuola; Informate le organizzazioni sindacali maggiormenterappresentative; Decreta: Art. 1 Definizioni 1. Ai fini del presente decreto si applicano le seguentidefinizioni: a) Ministro: Ministro dell'istruzione, dell'universita' e dellaricerca; b) Ministero: Ministero dell'istruzione, dell'universita' edella ricerca; c) decreto legislativo: il decreto legislativo 13 aprile 2017n. 59; d) Testo unico: decreto legislativo 16 aprile 1994, n. 297, esuccessive modificazioni; e) USR: Ufficio scolastico regionale o Uffici scolasticiregionali; f) dirigenti preposti agli USR: i direttori generali degli USRo i dirigenti di II fascia preposti alla direzione di un USR; g) GAE: graduatorie di cui all'art. 1, comma 601, lettera c),della legge 29 dicembre 2006, n. 296; h) percorso FIT: percorso di formazione iniziale, tirocinio einserimento nella funzione docente.

Art. 2 Concorso 1. E' indetto, ai sensi dell'art. 17 comma 2 lettera b) deldecreto legislativo, un concorso, per titoli ed esami, per ilreclutamento a tempo indeterminato del personale docente delle scuolesecondarie di primo e di secondo grado nonche' per il sostegno dellascuola secondaria riservato ai soggetti in possesso dei requisiti dicui all'art. 3. Sia il concorso sia le relative graduatorie sonoorganizzate su base regionale. 2. E' disposta l'aggregazione territoriale delle procedureconcorsuali per le classi di concorso e per i posti di sostegno allequali partecipino un numero esiguo di candidati e che sarannoindividuate e comunicate, con avviso da pubblicarsi nella GazzettaUfficiale della Repubblica del 13 aprile 2018 - 4 Serie specialeConcorsi ed esami - ad esito della presentazione delle domande dipartecipazione con l'individuazione dell'USR responsabile delleprocedura. L'USR che sara' individuato, sara' responsabile dellosvolgimento dell'intera procedura concorsuale e dell'approvazionedelle graduatorie di merito della propria regione nonche' dellegraduatorie di merito delle ulteriori regioni le cui procedure sonostate aggregate. 3. In applicazione dell'art. 17 comma 2 lettera b) del decretolegislativo, Il 50 per cento dei posti di docente vacanti edisponibili nelle scuole secondarie e' coperto annualmente, fermarestando la procedura autorizzatoria di cui all'art. 39 della legge27 dicembre 1997, n. 449, e successive modificazioni, mediantescorrimento delle graduatorie di merito delle seguenti procedureconcorsuali: b) concorso bandito, in ciascuna regione, ai sensi delcomma 3, al quale, al netto dei posti utilizzati per la procedura dicui alla lettera a) , e' destinato il 100% dei posti di cuiall'alinea per gli anni scolastici 2018/2019 e 2019/2020, nonche'l'80% per gli anni scolastici 2020/2021 e 2021/2022, il 60% per glianni 2022/2023 e 2023/2024, il 40% per gli anni 2024/2025 e2025/2026, il 30% per gli anni 2026/2027 e 2027/2028 e il 20% per ibienni successivi, sino a integrale scorrimento di ciascunagraduatoria di merito regionale. Le frazioni di posto sonoarrotondate per difetto. 4. Allo scorrimento delle graduatorie di merito regionali siapplica la procedura autorizzatoria di cui all'art. 39 della legge 27dicembre 1997,n. 449 e successive modificazioni.

Art. 3 Requisiti di ammissione 1. Ai sensi dell'art. 17, comma 3, del decreto legislativo, sonoammessi a partecipare alle procedure di cui al presente decreto icandidati in possesso del titolo di abilitazione all'insegnamento inuna o piu' classi di concorso della scuola secondaria di primo o disecondo grado, o, per i soli posti di sostegno, che aggiungano altitolo abilitante la specializzazione per il sostegno per i medesimigradi di istruzione. I suddetti titoli devono essere stati conseguitientro il 31 maggio 2017. I candidati che chiedono di partecipare alleprocedure concorsuali per la classe di concorso A23 (Italiano L2)devono possedere i titoli di specializzazione previsti dal decretodel Ministro n. 92 del 23 febbraio 2016. Al fine di determinare aquali procedure, distinte per classe di concorso e tipologie diposto, possa partecipare ciascun candidato, si applica l'art. 3 deldecreto del Presidente della Repubblica 14 gennaio 2016, n. 19, cosi'come modificato dal decreto del Ministro 9 maggio 2017, n. 259. 2. Gli insegnanti tecnico-pratici possono partecipare al concorsoper posti comuni purche' siano iscritti nelle graduatorie adesaurimento oppure nella seconda fascia di quelle di istituto, alladata del 31 maggio 2017. Possono altresi' partecipare al concorso perposti di sostegno purche', in aggiunta, siano anche specializzati sulsostegno. 3. Sono ammessi con riserva alla procedura concorsuale per postidi sostegno i docenti abilitati che conseguano il relativo titolo dispecializzazione entro il 30 giugno 2018, nell'ambito di percorsiavviati entro il 31 maggio 2017, ivi compresi quelli disciplinati daldecreto del Ministro 10 marzo 2017, n. 141. 4. Sono altresi' ammessi con riserva coloro che, avendoconseguito il titolo abilitante o la specializzazione sul sostegnoall'estero entro il 31 maggio 2017, abbiano comunque presentato larelativa domanda di riconoscimento alla Direzione generale per gliordinamenti scolastici e la valutazione del sistema nazionale diistruzione, entro la data termine per la presentazione delle istanzeper la partecipazione alla presente procedura concorsuale. 5. Qualora i requisiti di partecipazione siano posseduti pereffetto di provvedimenti giudiziari non definitivi, i candidatipartecipano con riserva alle procedure concorsuali e i relatividiritti si perfezionano in esito ai provvedimenti giudiziaridefinitivi. 6. I candidati devono altresi' possedere i requisiti generali perl'accesso all'impiego nelle pubbliche amministrazioni richiesti daldecreto del Presidente della Repubblica 9 maggio 1994, n. 487. 7. I candidati sono ammessi al concorso con riserva diaccertamento del possesso dei requisiti di ammissione da parte degliUffici scolastici regionali. In caso di carenza degli stessi, l'USRdispone l'esclusione immediata dei candidati, in qualsiasi momentodella procedura concorsuale.

Art. 4 Domanda di partecipazione: termine, contenuto e modalita' di presentazione 1. I candidati possono presentare istanza di partecipazione, apena di esclusione, in un'unica regione per tutte le classi diconcorso o tipologie di posto per le quali posseggano i requisiti dicui all'art. 3. 2. Il candidato puo' concorrere per piu' classi di concorso e/oposti di sostegno mediante la presentazione di un'unica istanza conl'indicazione delle classi di concorso/posti di sostegno per cuiintenda partecipare. 3. I candidati presentano l'istanza di partecipazione ai concorsiesclusivamente attraverso istanza POLIS ai sensi del decretolegislativo 7 marzo 2005, n. 82, e successive modificazioni. Le istanze presentate con modalita' diverse non sono prese inconsiderazione. 4. L'istanza di partecipazione al concorso tramite POLIS deveessere presentata a partire dalle ore 9,00 del 20 febbraio 2018 finoalle ore 23,59 del 22 marzo 2018. 5. Il candidato residente all'estero, o ivi stabilmentedomiciliato, qualora non in possesso delle credenziali di accesso alsistema informativo di cui al comma 3 acquisisce dette credenzialipresso la sede dell'Autorita' consolare italiana. Quest'ultimaverifica l'identita' del candidato e comunica le risultanze all'USRcompetente a gestire la relativa procedura concorsuale, che provvedealla registrazione del candidato nel sistema POLIS. Ultimata laregistrazione, il candidato riceve dal sistema POLIS i codici diaccesso per l'acquisizione telematica della istanza nella successivafase prevista dalla procedura. 6. I candidati indicano la lingua straniera, scelta tra francese,inglese, spagnolo e tedesco, oggetto della valutazione nell'ambitodella prova orale. 7. Per la partecipazione alla procedura concorsuale e' dovuto, aisensi dell'art. 1 comma 111 della legge n. 107/2015, il pagamento diun diritto di segreteria pari ad euro 5,00 per ciascuna classe diconcorso/posto di sostegno per cui si concorre. Il pagamento deveessere effettuato esclusivamente tramite bonifico bancario sul contointestato a: sezione di tesoreria 348 Roma succursale, IBAN: IT 79B01000 03245 348 0 13 2407 01 Causale: regione - classe di concorso/posto di sostegno - nome e cognome - codice fiscale del candidato edichiarato al momento della presentazione della domanda tramite ilsistema POLIS. 8. Nella domanda il candidato deve dichiarare, sotto la propriaresponsabilita' e consapevole delle conseguenze derivanti dadichiarazioni mendaci ai sensi dell'art. 76 del decreto delPresidente della Repubblica 28 dicembre 2000, n. 445, quanto segue: a) il cognome ed il nome (le coniugate indicheranno solo ilcognome di nascita); b) la data, il luogo di nascita, la residenza e il codicefiscale; c) il possesso della cittadinanza italiana ovvero dellacittadinanza di uno degli Stati membri dell'Unione europea ovverodichiarazione attestante le condizioni di cui all'art. 7 della legge6 agosto 2013, n. 97; d) il comune nelle cui liste elettorali e' iscritto ovvero imotivi della mancata iscrizione o della cancellazione dalle listemedesime; e) di essere fisicamente idoneo allo svolgimento delle funzioniproprie del docente; f) le eventuali condanne penali riportate (anche se sono staticoncessi amnistia, indulto, condono o perdono giudiziale) e glieventuali procedimenti penali pendenti, in Italia e all'estero. Taledichiarazione deve essere resa anche se negativa, pena l'esclusionedal concorso; g) di non essere stato destituito o dispensato dall'impiegopresso una pubblica amministrazione per persistente insufficienterendimento e di non essere stato licenziato da altro impiego stataleai sensi della normativa vigente, per aver conseguito l'impiegomediante produzione di documenti falsi e, comunque, con mezzifraudolenti, ovvero per aver sottoscritto il contratto individuale dilavoro a seguito della presentazione di documenti falsi. In casocontrario il candidato deve indicare la causa di risoluzione delrapporto d'impiego; h) il possesso di titoli previsti dall'art. 5, commi 4 e 5, deldecreto del Presidente della Repubblica 9 maggio 1994, n. 487, che, aparita' di merito o a parita' di merito e titoli, danno luogo apreferenza. I titoli devono essere posseduti alla data di scadenzadel termine di presentazione della domanda; i) l'indirizzo, comprensivo di codice di avviamento postale, ilnumero telefonico, nonche' il recapito di posta elettronica ordinariao certificata presso cui chiede di ricevere le comunicazioni relativeal concorso. Il candidato si impegna a far conoscere tempestivamentele variazioni tramite sistema POLIS; j) la/e classe/i di concorso / posto di sostegno per i quali siintende concorrere; k) il titolo di abilitazione all'insegnamento o dispecializzazione per il sostegno conseguiti ai sensi dell'art. 3 alladata del 31 maggio 2017, con l'esatta indicazione dell'Istituzioneche lo ha rilasciato, dell'anno scolastico ovvero accademico in cuie' stato conseguito, del voto riportato. Qualora il titolo di accessosia stato conseguito all'estero e riconosciuto, devono esserealtresi' indicati obbligatoriamente gli estremi del provvedimento delMinistero dell'istruzione, dell'universita' e della ricerca diriconoscimento dell'equipollenza del titolo medesimo; qualora iltitolo di accesso sia stato conseguito all'estero entro il 31 maggio2017 ma in attesa di riconoscimento dal MIUR occorre dichiarare diaver presentato la relativa domanda di riconoscimento alla Direzionegenerale per gli ordinamenti scolastici e la valutazione del sistemanazionale di istruzione entro la data del 22 marzo 2018 per poteressere ammessi con riserva; analogamente, gli aspiranti a posti disostegno, che non siano ancora in possesso del titolo dispecializzazione, dovranno altresi' dichiarare di essere iscritti airelativi percorsi che siano stati avviati entro la data del 31 maggio2017, ivi compresi quelli disciplinati dal decreto ministeriale 10marzo 2017, n. 141, e che conseguiranno il titolo entro il 30 giugno2018; l) per gli insegnanti tecnico pratici di essere iscritti alladata del 31 maggio 2017 nelle GAE o nella seconda fascia dellegraduatorie di istituto per la partecipazione ai concorsi per posticomuni o di avere anche il titolo di specializzazione sul sostegnoper la partecipazione ai concorsi per posti di sostegno; oppure dipartecipare con riserva al concorso su posti di sostegno in quanto siconseguira' il titolo di specializzazione entro il 30 giugno 2018. m) il possesso dei titoli indicati al decreto del Ministro 23febbraio 2016, n. 92, recante Riconoscimento dei titoli dispecializzazione in Italiano Lingua 2, per la partecipazione allaprocedura concorsuale relativa alla classe di concorso A-23; n) la lingua straniera prescelta tra le seguenti: inglese,francese, tedesco e spagnolo, fermo restando quanto previstodall'art. 8, comma 3, del decreto ministeriale 15 dicembre 2017, n.995, per i candidati nelle classi di concorso relative alle linguestraniere; o) i titoli valutabili ai sensi della tabella dei titoliallegata al decreto ministeriale n. 995 del 15 dicembre 2017; p) il consenso al trattamento dei dati personali per lefinalita' e con le modalita' di cui al decreto legislativo 30 giugno2003, n. 196, e successive modificazioni; q) il possesso di titoli previsti dall'art. 5, comma 3, deldecreto del Presidente della Repubblica 9 maggio 1994, n. 487; r) dichiarazione sull'eventuale diritto alla riserve previstedalla vigente normativa; s) se, nel caso in cui siano portatori di handicap, abbianol'esigenza, ai sensi degli articoli 4 e 20 della legge 5 febbraio1992, n. 104, di essere assistiti durante la prova, indicando in casoaffermativo l'ausilio necessario in relazione al proprio handicap.Tali richieste devono risultare da apposita certificazione rilasciatada una competente struttura sanitaria da inviare, almeno dieci giorniprima dell'inizio della prova, o in formato elettronico medianteposta elettronica certificata all'indirizzo del competente USR o amezzo di raccomandata postale con avviso di ricevimento indirizzataal medesimo USR. Le modalita' di svolgimento della prova possonoessere concordate telefonicamente. Dell'accordo raggiunto ilcompetente USR redige un sintetico verbale che invia all'interessato. 9. Non si tiene conto delle domande che non contengono tutte leindicazioni circa il possesso dei requisiti richiesti perl'ammissione al concorso e tutte le dichiarazioni previste dalpresente decreto. 10. L'Amministrazione scolastica non e' responsabile in caso dismarrimento delle proprie comunicazioni dipendente da inesatte oincomplete dichiarazioni da parte del candidato circa il proprioindirizzo di posta elettronica oppure da mancata o tardivacomunicazione del cambiamento di indirizzo rispetto a quello indicatonella domanda, nonche' in caso di eventuali disguidi imputabili afatto di terzi, a caso fortuito o forza maggiore.

Art. 5 Commissioni di valutazione 1. Le commissioni di valutazione sono nominate con decreti deidirigenti preposti ai competenti USR, secondo le modalita' definitedall'art. 14 del decreto ministeriale n. 995 del 15 dicembre 2017 enel rispetto delle disposizioni degli articoli 10, 11,12, 13 delpredetto decreto ministeriale n. 995 del 15 dicembre 2017. 2. Per la composizione delle commissioni per la prova orale delleclassi di concorso afferenti ad ambiti disciplinari verticali sirinvia all'Allegato A dell'OM 97 del 23 febbraio 2016.

Art. 6 Prova orale 1. La presente procedura concorsuale prevede lo svolgimento diuna prova orale di natura didattico-metodologica. 2. La prova orale consiste in una lezione simulata enell'esplicitazione delle scelte didattiche e metodologiche inrelazione ai contenuti disciplinari e al contesto scolastico indicatidalla commissione. La commissione nell'interlocuzione con ilcandidato accerta anche la conoscenza della lingua straniera secondoquanto indicato al comma 3 e al comma 4. 3. La prova orale per i posti comuni, distinta per ciascunaclasse di concorso, ha per oggetto il programma di cui all'Allegato Adel decreto ministeriale n. 95 del 2016, limitatamente alle parti eper i contenuti riguardanti le classi di concorso della scuolasecondaria di primo e secondo grado, e valuta la padronanza dellediscipline in relazione alle competenze metodologiche e diprogettazione didattica e curricolare, anche mediante l'utilizzodelle tecnologie dell'informazione e della comunicazione. La provaorale valuta altresi' la capacita' di comprensione e conversazionenella lingua straniera prescelta dal candidato almeno al livello B2del Quadro comune europeo di riferimento per le lingue. Per le classidi concorso di lingua straniera la prova orale si svolge interamentenella lingua stessa, inclusa l'illustrazione delle scelte didattichee metodologiche in relazione ai contenuti disciplinari indicati dallacommissione. 4. La prova orale per i posti di sostegno verte sul programma dicui al predetto Allegato A del decreto ministeriale n. 95 del 2016applicato solo per le parti e per i contenuti riguardanti le classidi concorso della scuola secondaria di primo e secondo grado, valutala competenza del candidato nelle attivita' di sostegno allastudentessa e allo studente con disabilita' volte alla definizione diambienti di apprendimento, alla progettazione didattica e curricolareper garantire l'inclusione e il raggiungimento di obiettivi adeguatialle possibili potenzialita' e alle differenti tipologie didisabilita', anche mediante l'impiego delle tecnologie normalmente inuso presso le istituzioni scolastiche. La prova orale valuta altresi'la capacita' di comprensione e conversazione nella lingua stranieraprescelta dal candidato almeno al livello B2 del Quadro comuneeuropeo di riferimento per le lingue. 5. Per la prova orale relativa a classi di concorso afferentiagli ambiti disciplinari verticali si rinvia alle disposizionidell'Allegato A del decreto ministeriale n. 95 del 23 febbraio 2016,che prevede la prova orale comune.

Art. 7 Diario e sede di svolgimento della prova d'esame 1. Il diario di svolgimento della prova orale con l'indicazionedella sede di destinazione dei candidati distribuiti e' comunicatodagli USR responsabili della procedura concorsuale almeno 20 giorniprima della data di svolgimento della prova a mezza di postaelettronica all'indirizzo indicato nella domanda di partecipazione.Tale comunicazione ha valore di notifica a tutti gli effetti.All'atto del primo insediamento di ciascuna commissione divalutazione, la stessa provvedera' all'estrazione della letteraalfabetica dalla quale si partira' per l'espletamento della provaorale. La predetta estrazione avverra' in seduta pubblica. 2. Le tracce delle prove orali sono predisposte da ciascunacommissione secondo il programma e i contenuti di cui all'Allegato Aal decreto ministeriale n. 95/2016 e secondo i criteri generali dicui all'art. 6. Le Commissioni ne predispongono un numero pari a trevolte quello dei candidati ammessi alla prova. Ciascun candidatoestrae la traccia su cui svolgere la prova, 24 ore prima dell'orarioprogrammato per la propria prova. Le tracce estratte saranno esclusedai successivi sorteggi. 3 I candidati si devono presentare nelle rispettive sedi di esamemuniti di documento di riconoscimento valido e della ricevuta diversamento del contributo di cui all'art. 4. 4. Perde il diritto a sostenere la prova il concorrente che nonsi presenta nel giorno, luogo e ora stabiliti. 5. La prova del concorso non puo' aver luogo nei giorni festivine', ai sensi della legge 8 marzo 1989, n. 101, nei giorni difestivita' religiose ebraiche, nonche' nei giorni di festivita'religiose valdesi.

Art. 8 Contenuto e durata della prova orale 1. La prova orale e' finalizzata all'accertamento dellapreparazione del candidato secondo quanto previsto dall'Allegato A dicui al sopra richiamato decreto ministeriale n. 95/2016 che nestabilisce la durata massima complessiva di 45 minuti.

Art. 9 Valutazione della prova orale e dei titoli 1. Per la valutazione della prova orale, che non prevede unpunteggio minimo, e dei titoli, la commissione ha a disposizione unpunteggio massimo pari rispettivamente a 40 punti e a 60 punti. 2. La commissione assegna alla valutazione, nell'ambito dellaprova orale, della capacita' di comprensione e conversazione nellalingua straniera, un punteggio massimo di 3 punti nell'ambito dei 40punti disponibili. 3. La commissione assegna alla valutazione, nell'ambito dellaprova orale, delle competenze nell'utilizzo delle tecnologiedell'informazione e della comunicazione o nelle tecnologienormalmente in uso presso le istituzioni scolastiche, un punteggiomassimo di 3 punti nell'ambito dei 40 punti disponibili. 4. La commissione assegna ai titoli culturali e professionali unpunteggio massimo di 60 punti, ai sensi dell'allegata tabella A aldecreto ministeriale n. 995 del 15 dicembre 2017.

Art. 10 Dichiarazione, presentazione e valutazione dei titoli 1. I titoli valutabili sono quelli previsti dall'allegato A aldecreto n. 995 del 15 dicembre 2017, e devono essere conseguiti, oladdove previsto riconosciuti, entro la data di scadenza del termineprevisto per la presentazione della domanda di ammissione fermorestando quanto indicato all'art. 3 in merito al possesso deirequisiti di partecipazione alla procedura concorsuale. 2. La commissione di valutazione valuta esclusivamente i titolidichiarati nella domanda di partecipazione al concorso, ai sensi deldecreto del Presidente della Repubblica 28 dicembre 2000, n. 445. 3. Ai fini del comma 2, il candidato che ha sostenuto la provaorale presenta al dirigente preposto all' USR competente i titolidichiarati nella domanda di partecipazione, non documentabili conautocertificazione o dichiarazione sostitutiva. La presentazione deveessere effettuata entro e non oltre quindici giorni dalla predettacomunicazione. 4. L'Amministrazione si riserva di effettuare idonei controllisul contenuto della dichiarazione di cui al comma 2, ai sensidell'art. 71 del citato decreto del Presidente della Repubblica n.445 del 2000. Le eventuali dichiarazioni presentate in modoincompleto o parziale possono essere successivamente regolarizzateentro i termini stabiliti dal competente USR. Qualora dal controlloemerga la non veridicita' del contenuto della dichiarazione, ildichiarante decade dai benefici eventualmente conseguiti sulla basedelle dichiarazioni non veritiere. Le dichiarazioni mendaci sonoperseguite a norma di legge.

Art. 11 Graduatorie regionali di merito 1. La commissione di valutazione, dopo aver valutato la prova e ititoli, procede alla compilazione della graduatoria regionale dimerito. 2. Le graduatorie di merito regionali di cui al comma 1comprendono tutti coloro che, avendo proposto istanza dipartecipazione alla procedura concorsuale, abbiano sostenuto la provaorale. I candidati sono inseriti nella predetta graduatoria sullabase del punteggio dei titoli posseduti e della valutazione dellaprova orale. A parita' di punteggio si applicano le preferenzepreviste dalla normativa vigente. 3. I candidati inseriti nelle graduatorie di merito regionalisono ammessi annualmente e nel limite dei posti di cui all'art. 3,comma 2 del decreto n. 995 del 15 dicembre 2017 ad un percorso diformazione, di durata annuale, finalizzato a verificare la padronanzadegli standard professionali, che si conclude con una valutazionefinale, ai sensi del decreto del Ministro 984 del 14 dicembre 2017.Tale percorso prevede le medesime condizioni normative ed economichedel contratto di supplenza annuale. 4. Per le classi di concorso per le quali e' dispostal'aggregazione territoriale delle procedure concorsuali si procedeall'approvazione di graduatorie distinte per ciascuna regione aisensi dell'art. 4 comma 4 del decreto ministeriale n. 995 del 15dicembre 2017. 5. La graduatoria di merito e' approvata con decreto daldirigente preposto all'USR responsabile dello svolgimento dell'interaprocedura concorsuale, e' trasmessa al sistema informativo delMinistero ed e' pubblicata nell'albo e sul sito internet dell'USRnonche' sulla rete intranet e sul sito internet del Ministero. 6. Le graduatorie sono utilizzate annualmente, ai fini dell'avvioal percorso annuale disciplinato dal decreto del Ministro 984 del 14dicembre 2017.

Art. 12 Percorso annuale e assunzione a tempo indeterminato 1. Tale percorso e' disciplinato al pari del terzo anno delpercorso FIT, ai sensi degli articoli 10, 11 e 13 del decretolegislativo. 2. Il terzo anno del contratto FIT prevede le medesime condizioninormative ed economiche del contratto di supplenza annuale. 3. L'ammissione al percorso annuale di cui al comma 6 dell'art.11 comporta la cancellazione da tutte le graduatorie di meritoregionali, nonche' da tutte le graduatorie ad esaurimento e diistituto, per ogni classe di concorso e tipologia di posto. In casodi valutazione finale positiva, il titolare del contratto di cuiall'art. 3 comma 2 del decreto del Ministro 984 del 14 dicembre 2017e' assunto a tempo indeterminato. 4. La costituzione del rapporto di lavoro a tempo indeterminatoe', comunque, subordinata all'autorizzazione all'assunzione da partedella Presidenza del Consiglio dei ministri ai sensi dell'art. 39della legge 27 dicembre 1997 n. 449. 5. In materia di riserva di posti si applicano le disposizioni dicui all'art. 7, comma 2, della legge 12 marzo 1999 n. 68, recantenorme per il diritto al lavoro dei disabili, nei limiti dellacomplessiva quota d'obbligo prevista dall'art. 3, comma 1, dellamedesima legge e agli articoli 678, comma 9, e 1014, comma 3, deldecreto legislativo 15 marzo 2010 n. 66.

Art. 13 Presentazione dei documenti di rito per l'assunzione 1. I concorrenti assunti a tempo indeterminato sono tenuti apresentare i documenti di rito richiesti per l'assunzione. Ai sensidell'art. 15 della legge 12 novembre 2011, n. 183, i certificati egli atti di notorieta' rilasciati dalle pubbliche amministrazionisono sostituiti dalle dichiarazioni previste dagli articoli 46 e 47del decreto del Presidente della Repubblica 28 dicembre 2000, n. 445. 2. Sono confermate le eccezioni e le deroghe in materia dipresentazione dei documenti di rito, previste dalle disposizionivigenti a favore di particolari categorie.

Art. 14 Ricorsi 1. Avverso i provvedimenti relativi alla presente proceduraconcorsuale e' ammesso, per i soli vizi di legittimita', ricorsostraordinario al Presidente della Repubblica, entro 120 giorni,oppure ricorso giurisdizionale al competente Tribunale amministrativoregionale, entro 60 giorni, dalla data di pubblicazione o di notificaall'interessato.

Art. 15 Informativa sul trattamento dei dati personali 1. Ai sensi dell'art. 13 del decreto legislativo 30 giugno 2003,n. 196, si informano i candidati che il trattamento dei datipersonali da essi forniti in sede di partecipazione al concorso ocomunque acquisiti a tale scopo dall'Amministrazione e' finalizzatounicamente all'espletamento del concorso medesimo ed avverra' conl'utilizzo anche delle procedure informatizzate, nei modi e neilimiti necessari per perseguire le predette finalita', anche in casodi comunicazione a terzi. I dati resi anonimi, potranno, inoltre,essere utilizzati ai fini di elaborazioni statistiche. 2. Il conferimento di tali dati e' necessario per valutare irequisiti di partecipazione al concorso e il possesso dei titoli,pena rispettivamente l'esclusione dal concorso ovvero la mancatavalutazione dei titoli stessi. 3. Ai candidati sono riconosciuti i diritti di cui all'art. 7 deldecreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196, in particolare il dirittodi accedere ai propri dati personali, di chiederne la rettifica,l'aggiornamento e la cancellazione, se incompleti, erronei o raccoltiin violazione della legge, nonche' di opporsi al loro trattamento,per motivi legittimi, rivolgendo le richieste al competente USR,titolare del trattamento dei dati. 4. Il responsabile del trattamento dei dati personali e' ildirigente preposto all'USR competente.

Art. 16 Disposizioni relative alle scuole con lingua di insegnamento slovena e bilingue sloveno-italiano, alla Regione Valle d'Aosta e alle Province di Trento e Bolzano 1. Ai sensi di quanto previsto dall'art. 425 e seguenti del Testounico, l'Ufficio scolastico regionale per il Friuli-Venezia Giuliaprovvede ad indire concorsi, per titoli ed esami, a cattedre per lascuola secondaria di primo e secondo grado con lingua di insegnamentoslovena delle province di Trieste, Udine e Gorizia anche avvalendosidella collaborazione dell'ufficio speciale di cui all'art. 13, comma1 della legge 23 febbraio 2001, n. 38. 2. Ai sensi di quanto previsto dall'art. 427 e seguenti del Testounico, le Province autonome di Trento, Bolzano e la Regione ValleD'Aosta, in ragione delle specifiche competenze in materia direclutamento, provvedono all'indizione di specifici concorsi pertitoli ed esami per la copertura dei posti delle scuole secondarie diprimo e secondo grado che individuano autonomamente.

Art. 17 Norme di salvaguardia 1. Per quanto non previsto dal presente decreto, si applicano ledisposizioni di cui al Testo unico e le altre disposizioni sullosvolgimento dei concorsi ordinari per l'accesso agli impieghi nellepubbliche amministrazioni, in quanto compatibili, nonche' quellepreviste dal vigente C.C.N.L. del personale docente ed educativo delcomparto scuola. 2. Il presente decreto e' pubblicato nella Gazzetta Ufficialedella Repubblica - 4 Serie speciale Concorsi ed esami. Dal giornodella pubblicazione decorrono i termini per eventuali impugnative(centoventi giorni per il ricorso al Presidente della Repubblica esessanta giorni per il ricorso giurisdizionale al Tribunaleamministrativo regionale competente). Roma, 1 febbraio 2018 Il direttore generale: Novelli